Mappa del sito

Papa Francesco e l'Islam: dal Concilio alla Religione mondiale

di don Mauro Tranquillo su sanpiox.it - Ha fatto molto scalpore il Documento sulla Fratellanza umana per la Pace mondiale e la convivenza comune firmato da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar il 4 febbraio scorso, in seguito alla visita del Papa negli Emirati Arabi. Questa dichiarazione è stata firmata da Papa Francesco «a nome della Chiesa cattolica»: è dunque indispensabile per noi cattolici prendere posizione apertamente contro un testo che di cattolico non ha nulla, per non essere coinvolti in una falsa professione di fede fatta anche “a nostro nome”. Per quanto firmata dal Papa infatti tale dichiarazione non è un atto magisteriale, e anzi contraddice i dettami stessi del Magistero perenne e della Religione: ecco perché vi possiamo distinguere degli errori e prendere posizione contro...


Leggi »


Laicismo&Clericalismo. Gemelli diversi, ma non troppo

di Alessandro Gnocchi su riscossacristiana.it - Il concetto da cui partire è quello di laicità, invenzione prettamente anticristiana che solo dei cattolici senza midollo possono prendere per buono mettendosi al riparo della tranquillizzante reminiscenza che il termine laico appartiene in origine al linguaggio della Chiesa e indica la persona non consacrata. Ma questa derivazione linguistica è fasulla e non riguarda la sostanza, in quanto il laico inteso come non consacrato appartiene alla cristianità, mentre il laico comparso nell’epoca moderna appartiene alla laicità. Il laico che taglia teste cristiane in nome della libertà non ha ascendenza alcuna nel laico chiamato così per distinguerlo dal consacrato: è colui che pone nella società un ordine diverso da quello voluto da Dio...


Leggi »


Che fine hanno fatto i soldati di Cristo?

di Aldo Maria Valli su aldomariavalli.it - Da quando il politicamente corretto vi ha fatto irruzione, la Chiesa cattolica non usa più le espressioni che si ispirano alla guerra e al combattimento. Non si parla più, per esempio, di anime di “conquistare” ed è stata abbandonata anche la definizione di “soldati di Cristo”. Eppure, Scritture alla mano, è difficile  non vedere che la vita di fede è combattimento. Sant’Agostino, nel trattato De agone christiano, spiega bene che per il cristiano sulla terra non ci può essere pace perfetta...


Leggi »


Riflessioni sul femminismo

di Anonimo Pontino su sisinono.org - L’uomo moderno vive il tempo della grande distruzione dei sentimenti e della Fede. La società scristianizzata rimane priva di collanti al di là del profitto e del consumo. Si sa che il fondamento della società cristiana, che si oppone alla realizzazione del Nuovo Ordine Mondiale, è nella famiglia. Per scardinare la famiglia è stato necessario distruggere il ruolo della donna come moglie e madre e ridisegnarne il ruolo sociale, ridimensionando gli aspetti di genitrice e di moglie...


Leggi »


La nuova messa e la nuova pastorale. Tante chiacchiere ma ben poca fede

di Catholicus - Con la Messa Novus Ordo si è compiuto il passo più clamoroso di rinnegamento del nostro passato di Chiesa Cattolica.Lex orandi, lex credendi, dicevano gli antichi, e Martin Lutero affermava infatti che “cambiata la Messa, cambiata la religione”. Così, negli anni ’60 del secolo scorso, i modernisti, sotto la guida di Paolo VI, hanno fatto un cammino simile a quello fatto da Lutero, passando dal Cattolicesimo ad un protestantesimo di fatto. Ne è conferma il fatto che i papi del postconcilio, a partire da GP II, ed ora con Francesco, (intenzionato ad attuare completamente il CV II) abbiano voluto riabilitarlo, presentarlo come grande riformatore ingiustamente condannato, in modo da poter festeggiare assieme ai luterani la ricorrenza del cinquecentenario della riforma protestante...


Leggi »


Le sacre stimmate di santa Veronica Giuliani

dalla rubrica Scritti dei Santi - Ebbi un'ora di agonia, che pensavo di spirare. Mi si rappresentò davanti il calice e la croce. Parmi in quel punto che il Signore facessemi provare e penetrare tutti i patimenti mai immaginabili. Sentivo la parte inferiore tutta ripugnante a questo, ma lo spirito pronto a quanto Iddio voleva. Così ricordai di quelle parole che disse Gesù nell'orto ed io le replicavo più sovente che potevo. In un subito mi parve che mi venisse come un rapimento, ed il Signore fecemi capire che era arrivata l'ora della bramata grazia, cioè di essere crocefissa con Lui. Io ero rassegnata in tutto al suo santo volere, e Lo pregai che non mi desse segni esteriori, se voleva fare per la sua carità. Così Esso fecemi intendere che in questo non ci pensassi, perché voleva che anco esteriormente fossero palesi i segni per il bene di molte anime, e per rinnovare la fede e la memoria della sua Passione. Mi rimisi in tutto al suo volere, e quello che era di più gloria sua.


Leggi »


SUORE CONSOLATRICI DEL SACRO CUORE

Siamo nate ufficialmente nel 1961 in un clima di fervore e di entusiasmo o meglio, di tutto ciò che di bello, di grande e di nobile può sbocciare dalla giovinezza illuminata e resa forte dalla Grazia.
Il nostro fondatore, P. Basilio Rosati Passionista, aveva saputo trasmettere nei nostri cuori il fuoco di un grande ideale: “Consolare il Cuore divino di Gesù” tanto amareggiato per l’ingratitudine, la freddezza, gli oltraggi, i tradimenti di tante anime a lui particolarmente care perché redente dal Suo Sangue preziosissimo.
Per saperne di più LEGGI LA PRESENTAZIONE 
Per una donazione inviare un bonifico bancario sul c/c intestato a Associazione Consolatrici del Sacro Cuore di Gesù 
IBAN: IT 22 L 03069 72711 100000000121

Unione con Dio

Consigli pratici per il buon cristiano - Per tenerci raccolti ed uniti al Signore, che sempre ci sta presente, come pure per accenderci sempre più d’amore verso Lui, oltre a far l’uso delle sante aspirazioni e Giaculatorie, procuriamo in tutte le cose, per quanto ci è possibile, di alzare la mente a Dio. Così per esempio potremo facilmente ricordare i misteri di amore del nostro divino Salvatore Gesù: allorché vediamo fieno, paglia, grotte, andiamo con la mente a Gesù Bambino nella stalla di Betlemme...

Leggi »


Domenica di Settuagesima

Commenti al Vangelo - (Mt 20, 1-16) In quel tempo Gesù disse questa parabola ai suoi discepoli: È simile il regno dei cieli a un padre di famiglia, il quale andò di gran mattino a fissare lavoratori per la sua vigna. E avendo convenuto con i lavoratori a un denaro per giorno, li mandò al lavoro. E uscito fuori circa all'ora terza, ne vide altri che se ne stavano per la piazza facendo nulla, e disse loro: Andate anche voi nella mia vigna, e vi darò quello che sarà giusto. E quelli andarono. Uscì di bel nuovo circa l'ora sesta e l'ora nona, e fece lo stesso. Circa l'undicesima uscì ancora, e ne trovò altri che stavano sfaccendati, e disse loro: perché state qui tutto il giorno in ozio? Quelli risposero: Perché nessuno ci ha presi a giornata. Ed egli disse loro: Andate anche voi nella mia vigna. Venuta la sera, il padrone della vigna disse al suo fattore: Chiama i lavoratori, e paga ad essi la mercede, cominciando dagli ultimi fino ai primi...

Leggi »


7 Orazioni rivelate da Nostro Signore a S. Brigida

Preghiere e devozioni - In un'apparizione, il Signore rivelò a Santa Brigida di aver ricevuto 5480 colpi sul suo santissimo Corpo durante la Passione, e le dettò le 15 Orazioni da recitarsi nel periodo di un anno per poter onorare ognuna delle sue Piaghe. In una seconda apparizione, invece, rivelò alla sua devotissima santa di aver versato più di trentamila gocce del suo preziosissimo Sangue; le insegnò quindi le 7 Orazioni da recitarsi nel periodo di 12 anni per poter onorare tutto il Sangue versato durante la sua Passione. Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime che reciteranno queste Orazioni per 12 anni. In particolare, Gesù promette: l'anima che le recita non andrà in Purgatorio; l'anima che le recita sarà accettata tra i martiri come se avesse versato il suo sangue per la fede...

Leggi »


S. Valentino, prete e martire

Santi della Chiesa cattolica - La vita di san Valentino risale all'impero di Claudio, il quale, sebbene fosse idolatra, non sapeva decidersi a tormentare i cristiani, anzi li lasciò vivere in pace per qualche tempo. Accadde però che le continue insinuazioni dei cortigiani, dei proconsoli e dei governatori, abituati ad infierire contro quegli innocenti seguaci di Cristo e a confiscare loro i beni, non lasciarono un momento di quiete all'imperatore, dal carattere debole; così, per paura di cospirazioni contro di lui, Claudio si risolse ad accontentare le terribili richieste dei suoi consiglieri e a far mostra di perseguitare i cristiani. Fra i tanti santi che ci furono durante quel periodo, nell'anno 279, sorse anche san Valentino, sacerdote di grande reputazione, sapienza e santità, che non solo i fedeli ma persino gli stessi pagani ne ammiravano le doti.

Leggi »


Ricordati di santificare la festa

Elementi di catechesi - Il terzo Comandamento ci ordina di onorare Dio nei giorni di festa con atti di culto esterno, dei quali per i cristiani l'essenziale è la santa Messa. E' necessario adorare Dio anche con atti di culto esterno, ma l'uomo, assorbito nei suoi doveri e dalle necessità materiali, spesso dimentica questo dovere; per questo motivo, Dio fissò alcuni giorni, nei quali richiama l'uomo a quest'obbligo fondamentale. I primi cristiani inizialmente conservarono il sabato come giorno da santificare, ma poi, per meglio distinguersi dagli ebrei, per meglio ricordare la redenzione (che è la seconda creazione di Dio) per commemorare la risurrezione di Gesù e la discesa dello Spirito Santo nella prima Pentecoste, avvenute di domenica, sostituirono questo giorno al sabato.

Leggi »