In primo piano

 

Come conservare la fede?

Editoriale della Corsia - Alla luce di quanto sta accadendo nel mondo cattolico da ormai più di cinquant'anni, ci si chiede cosa debba fare un fedele che intenda conservare la fede e vivere fedelmente il Magistero perenne della Chiesa cattolica così come è stata voluta e fondata da Nostro Signore Gesù Cristo.

Ebbene, risulta assai utile ricordare le parole, contenute nel libro “Breve apologia della chiesa di sempre”, del domenicano padre Roger Thomas Kalmel, teologo e contemplativo di solida formazione tomista, grande servitore della Chiesa che ha lasciato un insegnamento straordinario di fermezza nella fede: “Innanzitutto raddoppiare la preghiera in pace e amore”. Quindi “dobbiamo a qualsiasi costo perseverare nello studio delle Sacre Scritture, mentre si moltiplicano gli ostacoli per impedire di approfondirle e nutrircene”. Soprattutto, confessare la fede, a maggior ragione di fronte ad autorità corrotte, significa rifiutare ogni equivoco sia nei riti che nella dottrina il che “significa innanzi tutto continuare a celebrare la Messa di sempre”, aderire alla vera Messa che è tridentina.

Leggi »


Documento stampato il 24/10/2018