Home / Attualità / Raccolta anno 2018 / Il Memoriale di mons. Carlo Maria Viganò: un breve commento

Il Memoriale di mons. Carlo Maria Viganò: un breve commento

La vicenda relativa al "Memoriale Viganò" getta una volta di più un fascio di luce sulle tenebre che avvolgono la chiesa odierna. In quel dossier, puntualmente documentato, si sottolineano le gravissime inadempienze di Papa Bergoglio. Ma non solo. Compaiono i nomi anche di altri prelati appartenenti a precedenti pontificati le cui responsabilità sono evidenti e, anche queste, gravissime. 

Ciò significa che già prima dell'avvento in Vaticano del papa argentino, la chiesa era popolata da sacerdoti deviati, tutti, guarda caso, aderenti alla chiesa conciliare. 

Un chiesa, quella che trova radici nel Concilio Vaticano II, che ha in tutta evidenza rinnegato la Fede per abbracciare mondanità, sesso, potere, perversione. 

Prova ne è anche la devastazione dei seminari, un tempo luoghi di formazione di veri sacerdoti, oggi divenuti dei centri di devastazione della dottrina e della liturgia cattolica, nei quali si attua con cinismo diabolico il lavaggio del cervello di coloro che verranno poi consacrati sacerdoti. 

Il risultato non può che essere una chiesa popolata da un clero corrotto, bugiardo, subdolo, accecato dai vizi invece che santificato dall'esercizio delle virtù.

Questo quadro inquietante, vale a dire questa putrida chiesa conciliare che sta occupando la Vera Chiesa di Cristo da più di cinquant'anni, non si sta materializzando solo ora. Occorre averlo ben chiaro. Da tempo una nuova chiesa e una nuova religione (che non sono più cattoliche ancorché dicano di esserlo) hanno via via sempre più preso possesso delle parrocchie e della vita dei fedeli che le frequentano. 

Ciò per mezzo dei vari pontificati conciliari che si sono succeduti e che, ciascuno mettendoci del proprio, hanno fatto sì che la spiritualità cattolica si inaridisse corrompendo la Verità. Tutto sta così inesorabilmente putrefacendo. 

Sotto il pontificato di Bergoglio questo terribile marciume ha probabilmente raggiunto il suo apice, ma il  veleno e le nefandezze di un clero in piena apostasia si sono perpetrate anche sotto i recenti precedenti pontificati di Papi acclamati, venerati e perfino proclamati santi - vien da dire alla luce dei fatti - impropriamente. 

Chi la comandi e che cosa sia la chiesa conciliare è ormai di tutta evidenza: si percepisce un brivido lungo la schiena al solo pensiero. 
Rimane la questione più importante: che ne sarà della salvezza dell'anima se non ci si affrancherà da questo clero malevolo? 

Share |