Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

L'AFORISMA - L'aspetto più terrificante del totalitarismo non sono le sue atrocità, ma il fatto che esso attacca il concetto di verità oggettivaGeorge Orwell 


AVVISO – Nei mesi di luglio e agosto l'aggiornamento delle pubblicazioni sul sito subirà un rallentamento dovuto da un lato al periodo vacanziero estivo, dall'altro alla realizzazione delle opere grafiche di restauro già commissionate. Ringraziamo quanti ci hanno inviato suggerimenti affinché la Corsia sia sempre più bella e ricca di contenuti: a costoro rivolgiamo il nostro più sincero ringraziamento! A tutti i nostri lettori che con costanza e messaggi di incoraggiamento ci spronano a continuare la giusta battaglia apologetica contro il male imperante di questi tempi, inviamo un affettuoso saluto e l'augurio di ogni bene in Christo Domino! 

La Redazione 

 


Il tempo della pazienza che finirà

da La scure - L’umanità va incontro ad un terribile castigo che deve purificare la Terra dalla sporcizia del peccato. Non è una previsione catastrofica da visionari di sventura, ma la chiara percezione di un esito inevitabile. Un futuro dai contorni apocalittici? Pare proprio di sì: perché negarlo spacciando fallaci rassicurazioni prive di qualsiasi fondamento? I segni dei tempi sono estremamente chiari e vanno in una direzione ben precisa. L’Apocalisse, d’altronde, fa parte del canone della Bibbia e non la si può neutralizzare come letteratura: malgrado l’imbarazzo che ha sempre suscitato nella Chiesa, è un testo profetico ispirato dallo Spirito Santo. Non temiamo affatto la sufficiente ironia degli esegeti alla moda che non credono più in nulla: a noi interessa salvarci l’anima e aiutare altri a salvarsela; non frequentiamo salotti eleganti in cui, tra una tartina e un pasticcino, si disquisisce amabilmente sul fumo mentre il mondo è in fiamme.


Leggi »


Il mondo sottosopra

di Sandro Pasquino - In questi anni si assiste ad un’accelerazione della politica occidentale verso la perversione dei valori morali della società. Si tratta di attacchi contro le tradizioni cristiane ma anche contro i valori del diritto naturale che ritroviamo anche in popoli di cultura pagana e di altre religioni. Nonostante i problemi economici e sociali si assiste ad una gara tra parlamenti di varie nazioni occidentali per emanare prima degli altri leggi per matrimoni gay, relativa adozione di bambini e fecondazione artificiale naturalmente per garantire loro una discendenza. Debito pubblico, diritti gay e tasse sembrano essere i nuovi dogmi moderni, intoccabili ed assoluti e se ci si oppone è fobia.


Leggi »


La Chiesa...sempre divina!

di don Pierpaolo Maria Petrucci - La crisi profonda che attanaglia la Chiesa si manifesta in maniera sempre più evidente nei suoi sintomi, che appaiono di giorno in giorno più palesi. Dall’ultimo sinodo, in cui si è discusso per sapere se, nella pratica, il matrimonio è ancora indissolubile ed il sesto comandamento ancora in vigore, si sta preparando la prossima riunione di ottobre. L’apostolato della Preghiera ha comunicato recentemente l’intenzione di preghiera dei vescovi italiani per il mese di giugno: «Perché venga annunciato il cuore del messaggio cristiano piuttosto che alcuni aspetti dottrinali e morali»; tutto un programma! Sempre di più si rivela il tradimento di membri della gerarchia, imbevuti di spirito liberale.


Leggi »


La teologia della morte di satana

da Sì Sì No No - Il dominio di satana sul mondo è rivelato sia nel Vangelo che in San Paolo. Esso si attua e si estende a) mediante il peccato dell’uomo, che è contrario alla Volontà di Dio; b) mediante l’orgoglio umano o l’egoismo, che è opposto a Dio infinitamente Vero e Buono; c) mediante la legge puramente esteriore o farisaica, che è contraria alla vera Fede, interiore e vivificata dalla Carità. Il dominio di satana sul mondo più che un impero rappresenta quasi un “corpo mistico” come lo descrive San Gregorio Magno (Hom. 16 in Evang.; Moral., IV, 14): “certamente il diavolo è capo di tutti gli iniqui; e tutti gli iniqui sono membra di questo capo”. Perciò i Padri e i Dottori hanno parlato di contro-chiesa, rifacendosi alla Rivelazione (Apoc., II, 9) che parla di “sinagoga di satana” la quale avversa la Chiesa di Cristo.


Leggi »


Orazione attribuita a Sant'Agostino

di Sant'Agostino - Questa splendida preghiera, attribuita a sant’Agostino, è ricavata dal Messale Mozarabico e di composizione nettamente medioevale. Vedi “Dictionnaire d’Archèologie Chrètienne”, Tom. V, col. 1633. Si attribuisce la sua inserzione nel Messale Romano a Urbano VIII (+ 1644).


Leggi »


L'amore per il mondo

dalla rubrica Omelie e catechesi di Padre Konrad Zu Loewenstein - Oggigiorno c'è una certa confusione sul Mondo e la sua natura, perciò ritengo opportuno meditare su questo argomento secondo il costante insegnamento della Santa Madre Chiesa, soprattutto per quanto riguarda l'amore per il Mondo. L'uomo è creato per amare l'Infinito che è Iddio. Se non ama Dio, cercherà di appagare il suo amore per l'Infinito con cose finite, così tormentando e sfigurando la sua anima. In altre parole ci sono solo due amori: l'amore per Dio e l'amore per il Mondo. L'amore per il Mondo consiste nelle tre concupiscenze che sono: la concupiscenza della propria eccellenza, cioè la superbia, la concupiscenza della carne, cioè i piaceri carnali, e la concupiscenza degli occhi, cioè i beni terreni. Il male dell'amore per il Mondo consiste nel mettere il mondo al posto di Dio: tale male, in una parola, è l'idolatria. Per alcuni come Abshālōm (Assalonne) questo idolo è l'onore; per altri, secondo la parola di San Paolo, è il ventre (Vi sono alcuni che cercano i piaceri terreni e mondani che sono nemici della Croce di Cristo, la loro fine sarà la perdizione); per altri, come Giuda, sono i soldi; e così via.


Leggi »


Padre Pio: l'affidamento a Dio

di Padre Pio - Vivete in pace con istesso, sapendo che il vostro avvenire è disposto da Dio con ammirabile bontà pel vostro bene: a voi no rimane che rassegnarvi a ciò che Dio vorrà disporre di voi e benedire quella mano che alcune volte sembra respingervi, ma che in realtà la mano di questo sì tenerissimo Padre non respinge mai, sibbene chiama, abbraccia, carezza e se tal volta percuote, ricordiamoci che questa è sempre la mano di un padre.


Leggi »


Unioni gay, gender e il gravissimo attentato nelle scuole ai bambini: l'analisi del Card. Caffarra e un nostro breve commento

dalla Redazione - Davanti a fatti di questo genere io mi chiedo sempre: ma come è possibile che nella mente dell’uomo si oscurino delle evidenze così originarie, come è possibile? E la risposta alla quale sono arrivato è la seguente: tutto questo è opera diabolica. In senso stretto. È l’ultima sfida che il satana lancia a Dio creatore, dicendogli: “Io ti faccio vedere che costruisco una creazione alternativa alla tua e vedrai che gli uomini diranno: si sta meglio così. Tu gli prometti libertà, io gli propongo la licenza. Tu gli doni l’amore, io gli offro emozioni. Tu vuoi la giustizia, io l’uguaglianza perfetta che annulla ogni differenza”. Apro una parentesi. Perché dico “creazione alternativa”? Perché se noi ritorniamo, come Gesù ci chiede, al Principio, al disegno originario, a come Dio ha pensato alla creazione, noi vediamo che questo grande edificio che è il creato, si regge su due colonne: il rapporto uomo-donna – la coppia – e il lavoro umano. Noi stiamo parlando adesso della prima colonna, ma anche la seconda si sta distruggendo. Vediamo, per esempio, con quanta difficoltà oggi si possa ancora parlare del primato del lavoro nei sistemi economici.


Leggi »


La più grande crisi sacerdotale della storia della Chiesa

di don Alberto Secci - Se non ci sono più preti non piange quasi più nessuno. È questa la triste constatazione che ci tocca fare. Assistiamo alla più grande crisi sacerdotale della storia della Chiesa, intere terre in Europa sono ormai senza sacerdote e tutto tace. Non sentirete nemmeno un vescovo gridare all'allarme, piangere con i suoi fedeli, domandare a tutti una grande preghiera per le vocazioni sacerdotali; intimare un digiuno e una grande supplica perché il Signore abbia pietà del suo popolo. Sentirete, questo sì, vescovi e responsabili di curia descrivere i numeri di questo calo vertiginoso di presenza dei preti nella Chiesa, li sentirete elencare  i dati pacatamente, troppo pacatamente, in modo distaccato, come se fosse una situazione da accettare così com'è, anzi la chance per una nuova Chiesa più di popolo.


Leggi »


Il segreto meraviglioso del Santo Rosario/4

di San Luigi Maria Grignion da Montfort - Non proprio la lunghezza ma il fervore della preghiera: ecco ciò che piace a Dio e ne attira la benevolenza. Una sola Ave Maria detta bene è più meritoria di centocinquanta dette male. Quasi tutti i cattolici recitano il Rosario o una parte o almeno qualche decina di Ave; perché allora sono tanto pochi quelli che si correggono dei loro difetti e avanzano nella virtù, se non perché non recitano queste preghiere come si deve? Vediamo dunque, in qual modo occorra recitarle per piacere a Dio e farci più santi.


Leggi »


Share |