In primo piano

 

Comunicato del Superiore Generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X

Chi mi ama osserva - e fa osservare - i miei comandamenti

La Dichiarazione Fiducia supplicans del Prefetto del Dicastero per la Dottrina della Fede sulla questione delle benedizioni alle “coppie irregolari e coppie dello stesso sesso” ci lascia sgomenti. Tanto più che questo documento è stato firmato dal Papa stesso.

Sebbene sostenga di evitare qualsiasi confusione tra la benedizione di queste unioni illegittime e quella del matrimonio tra un uomo e una donna, questa dichiarazione non evita né la confusione né lo scandalo: non solo insegna che un ministro della Chiesa può invocare la benedizione di Dio su delle unioni immorali, ma così facendo incoraggia di fatto queste situazioni peccaminose.

La richiesta di tale “benedizione” consisterebbe semplicemente nel chiedere per queste persone, in un contesto non liturgico, che “tutto ciò che è vero, buono e umanamente valido nella loro vita e nelle loro relazioni sia investito, guarito ed elevato dalla presenza dello Spirito Santo”.

Ma indurre coloro che vivono in un'unione fondamentalmente immorale a credere che essa possa essere positiva e portatrice di valori, rappresenta il peggiore degli inganni e la più grave mancanza di carità nei confronti di anime fuorviate. È sbagliato immaginare che ci sia qualcosa di buono in una situazione pubblica di peccato, ed è sbagliato sostenere che Dio possa benedire le coppie che vivono in una tale situazione.

Senza dubbio, ogni persona può essere aiutata dalla misericordia previdente di Dio e scoprire con fiducia di essere chiamata alla conversione per ricevere la salvezza che Dio offre. La Chiesa non rifiuta mai una benedizione ai peccatori che la chiedono legittimamente, ma la benedizione non ha altro scopo che aiutare l'anima a vincere il peccato e a vivere in stato di grazia.

La Santa Chiesa può quindi benedire qualsiasi individuo, anche un pagano. Ma non può mai, in alcun modo, benedire un'unione che è di per sé immorale, con il pretesto di incoraggiare ciò che è buono in essa.

Quando si benedice una coppia, non si benedicono individui isolati: si benedice necessariamente la relazione che li unisce. Non si può redimere una realtà che è intrinsecamente fuorviata e scandalosa.

Incoraggiare pastoralmente tali benedizioni porta inesorabilmente, nella pratica, all'accettazione sistematica di situazioni che sono incompatibili con la legge morale, nonostante qualunque dichiarazione contraria.

Purtroppo, questo è in linea con alcune affermazioni di Papa Francesco, che definisce “superficiale e ingenuo” l'atteggiamento di coloro che costringono le persone a “comportamenti per i quali non sono ancora mature, o di cui non sono capaci” (Papa Francesco, Colloquio con i Gesuiti a Lisbona, 5 agosto 2023).

Questo tipo di pensiero, che non crede più nel potere della grazia e svuota la croce del suo significato, non aiuta nessuno ad abbandonare una vita di peccato. Sostituisce il vero perdono e la vera misericordia con un'amnistia tristemente impotente. E non fa che accelerare la perdita delle anime e la distruzione della morale cattolica.

Il linguaggio contorto e i travestimenti sofistici del documento del Dicastero per la Dottrina della Fede non possono nascondere la realtà elementare e ovvia di queste benedizioni: esse non faranno altro che confermare queste unioni nella loro situazione intrinsecamente peccaminosa, e incoraggiare altri a seguirle. Non sarà altro che un surrogato del matrimonio cattolico.

In definitiva, tutto questo mostra una profonda mancanza di fede nel soprannaturale, nella grazia di Dio e nel potere della croce per vivere nella virtù, nella purezza e nella carità, in conformità alla volontà di Dio.

Si tratta di uno spirito naturalistico e disfattista che si allinea vilmente allo spirito del mondo, nemico di Dio. È un'ulteriore resa e sottomissione al mondo da parte della gerarchia liberale e modernista, che a partire dal Concilio Vaticano II è al servizio della Rivoluzione dentro e fuori la Chiesa.

Che la Beata Vergine Maria, custode della fede e della santità, venga in aiuto della Santa Chiesa. Che protegga soprattutto coloro che sono maggiormente esposti a questo caos: i fanciulli, obbligati a crescere in una nuova Babilonia, senza punti di riferimento e senza più una guida che ricordi la legge morale.

Don Davide Pagliarani, Superiore Generale
Menzingen, 19 dicembre 2023

Leggi »

La Chiesa sinodale

Lupi travestiti da agnelli a cura della Redazione (intervento di Don Davide Pagliarani, Superiore generale della Fraternità San Pio X - Fonte: fsspx.news) - Fiducia supplicans non è, in senso stretto, un atto sinodale, ma un atto prodotto dal Dicastero per la Dottrina della Fede e firmato dal Papa stesso. Tuttavia, è un documento che risponde a quanto evocato a più riprese nella preparazione del Sinodo stesso. È dunque a tutti gli effetti una risposta a un’aspettativa attuale e sinodale. Questa “Chiesa sinodale”, che noi cerchiamo di definire, è una Chiesa che ascolta tutti gli uomini: le periferie, la base, il mondo, nel più ampio senso del termine… una Chiesa che ascolta il “mondo” come tale. Dunque una Chiesa che mette in mostra una sensibilità nuova e una nuova volontà di andare incontro al mondo. Nei fatti, questo pontificato risponde, sempre più completamente, alle aspettative ed esigenze del mondo contemporaneo, e più precisamente del mondo “politico”, nel più profondo senso del termine...



La Temperanza

Catechismo di S. Pio X a cura di Veronica Tribbia - La temperanza è la virtù che frena le passioni e i desideri, specialmente sensuali, e modera l'uso dei beni sensibili. La temperanza tiene a freno e regola le passioni che provengono dall'appetito concupiscibile (amore,desiderio, gaudio, odio, fuga, tristezza), ci fa moderare le passioni e i desideri sensuali che spingono alla ricerca dei piaceri nella gola e nella carne...



Festa della Pentecoste, la venuta dello Spirito Santo

Spiegazione dell'Anno liturgico di Padre Carlo Massini - Era il decimo giorno dopo l'ascensione di Gesù Cristo al cielo, il cinquantesimo dopo la sua gloriosa risurrezione, il giorno in cui i giudei celebravano la Pentecoste in memoria della Legge data loro da Dio sul monte Sinai, quando il Santo divino Spirito discese sopra il collegio apostolico, per scrivere non più su tavole di pietra, ma nei loro cuori la legge evangelica. “Oggi - dice san Giovanni Crisostomo - la terra è divenuta per noi un cielo; non già perché le stelle o i pianeti sono discesi sulla terra, ma perché gli Apostoli sono saliti dalla terra al cielo: perciò la grazia dello Spirito Santo si è sparsa oggi per tutto il mondo, e lo convertì in un paradiso, non già cambiando la natura degli uomini, ma regolando e mutando loro i cuori e le volontà. Questo divino Spirito trovò un pubblicano, e ne forma un evangelista, rinvenne un persecutore, e lo forma un apostolo, trovò una peccatrice, e la rende simile alle vergini, sradica per ogni dove il vizio, e pianta la bontà, bandisce la servitù, e vi conduce la libertà. E questa è la ragione perché la terra oggi diviene un cielo”, soggiunge il santo Dottore...



S. Filippo Neri

Vita dei Santi a cura di Veronica Tribbia - Nell'anno 1515 nacque Filippo nella città di Firenze il 22 di luglio; suo padre si chiamava Francesco Neri e sua madre Lucrezia Soldi. Fu allevato con ottimi costumi, e il padre Francesco non ebbe mai da lamentarsi perché Filippo gli obbediva in tutto, come obbediva fedelmente alla sua cara mamma. Accadde che Lucrezia morì, e Filippo ebbe la matrigna a prendersi cura di lui, ma allo stesso modo come per i suoi genitori, il bambino onorava talmente la sua madre adottiva che ella lo amava come se fosse stato figlio suo. Aveva un carattere così amabile con tutti che era soprannominato dai compagni “Pippo buono”. Filippo si esercitò fin da piccolo nell'orazione, mediante la quale acquistò un grande orrore delle cose mondane...



La purezza di cuore

lettera di Don Davide Pagliarani, Superiore generale della FSSPX, agli amici e benefattori - Cari fedeli, amici e benefattori,nelle circostanze storiche che viviamo, Dio ha chiamato la Fraternità Sacerdotale San Pio X a una battaglia specialissima per la fede. Abbiamo il dovere di custodirla, di professarla, di amarla e di trasmetterla. Dobbiamo ben cogliere le ragioni profonde di questa lotta, le sue esigenze, ciò a cui deve portarci, per poterne trarre tutte le conseguenze per le nostre anime...



La partecipazione alla messa, tradizionale o nuova, influenza la fede?

La Messa di sempre - Fin dall'inizio della riforma liturgica, dopo la promulgazione del Novus Ordo Missae (NOM), i difensori della tradizione della Chiesa avevano avvertito del pericolo rappresentato da questa nuova liturgia. E, facendo eco al noto adagio – lex orandi, lex credendi – la legge della preghiera è la legge della fede, hanno anche messo in guardia dal futuro decadimento della fede che ne sarebbe seguito...



Devozione al SS. Cuore di Gesù

Preghiere e Devozioni - Tutti i buoni pensieri ed affetti, tutte le buone parole ed opere indirizzate al Signore da un'anima in grazia di Dio, possono dirsi tanti atti d'amore di Dio e sono meritevoli di premio eterno. Però a rendere tali tutte le azioni, il cristiano si figuri di avere la sua abitazione nell'amabilissimo Cuor di Gesù, operando sempre per dar gusto a questo Cuore; cosicché qualunque cosa faccia, tutto intenda di fare in unione a quel Cuore benedetto, e viva in ciascun giorno come se fosse l'ultimo della sua vita, ripetendo con l'Apostolo: “Non sono più io che vivo, ma è Cristo che vive in me”...



BACHECA

Intervista con il Superiore generale della Fraternità Sacerdotale San Pio X

Dopo le ultime idee centrali ed ispiratrici che furono la misericordia, intesa come “amnistia universale”, e la nuova morale di stampo ecologista fondata sul rispetto della Terra come “casa comune del genere umano”, è innegabile che questi ultimi anni siano stati caratterizzati dall’idea della sinodalità. Non si tratta di un’idea totalmente nuova1 [1], ma Papa Francesco ne ha fatto l’asse portante del suo pontificato... 

Leggi »


L’eredità di Mons. Lefebvre: da dove viene e dove va

A cinquant’anni dal suo inizio, il significato dell’opera di Mons. Lefebvre di fronte alla crisi della Chiesa e al crollo della civiltà occidentale. 
Video intervento di Don Davide Pagliarani, Superiore Generale della FSSPX...

Leggi »


Lectio brevis

Lectiobrevis è il blog di padre Elia Schafer, collaboratore della Corsia
Il sito commenta in modo conciso, lontano dal politicamente corretto, fatti e aspetti degli accadimenti attuali, in particolar modo quelli attinenti le vicende della Chiesa cattolica romana...

Leggi »


Rinascita delle scuole cattoliche

Rinascita delle scuole cattoliche è un gruppo di laici cattolici che fa consulenze gratuite sulle scuole cattoliche legate al rito antico. Viene fornito aiuto a chi è in ricerca di una buona scuola cattolica per i propri figli, a chi cerca delle informazioni sull’istruzione parentale d’ispirazione cattolica...

Leggi »


Santa Messa domenicale ore 10:30 in diretta

Per accedere alla diretta collegarsi sul canale ufficiale YouTube FSSPX Italia Ricordiamo che è possibile unirsi in preghiera ad una S.Messa che si guarda su internet solo quando l'impossibilità della presenza fisica sia dovuta a ragioni gravi (malattia, distanza troppo grande...)... 

Leggi »


Suore Consolatrici del Sacro Cuore

L'Ordine delle Suore Consolotraci del Sacro Cuore si fonda sul grande ideale di consolare il Cuore Divino di Gesù, offeso e oltraggiato dall'ingratitudine e dai tradimenti di tante anime.
In tempi di profonda crisi di fede e di vocazioni religiose, le Suore Consolatrici rappresentano un'eccezione...

Leggi »


Edizioni Piane, la buona stampa

Edizioni Piane è il nome della Casa editrice ufficiale della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Lo scopo che si prefiggono le edizioni è quello di preservare la dottrina cattolica tradizionale attraverso la stampa, la selezione e la diffusione di libri sani ed edificanti...

Leggi »