Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

â–ºL'AFORISMA - La Vergine talvolta vuole che si preghi a lungo; una persona è stata guarita soltanto dopo nove novene. - Santa Bernadette Soubirous


La Corsia segnala il Sesto Pellegrinaggio della Tradizione alla Madonna di Oropa, organizzato dalla chiesa di Vocogno e dalla Cappella dell'ospedale di Domodossola, che si svolgerà sabato 8 ottobre 2016. Quello di Oropa è il più importante Santuario mariano delle Alpi. Si colloca in uno scenario unico e incontaminato a 1200 m. di altezza, a soli 20 minuti dal centro di Biella. Non lasciamo cadere questo gesto ricco di valore: solo mendicando la Grazia di Dio ai piedi di Maria Santissima la nostra fatica può dirsi cristiana. Per informazioni e per conoscere il programma vedere ⇒qui oppure ⇒radicatinellafede.blogspot.it

Ecumenismo. Cosa ha sempre insegnato la Chiesa cattolica

L'ecumenismo distorto e gli incontri di preghiera con tutte le religioni promossi e realizzati dalla neochiesa conciliare. Ma la Chiesa fino al Vaticano II cosa ha sempre detto? Rileggiamo l'Istruzione «Ecclesia Catholica» agli Ordinari diocesani, sul «Movimento ecumenico» redatta dalla Suprema Sacra Congregazione del Sant'Uffizio (20 dicembre 1949).


Leggi »

La religione dopo il Concilio/2: oltre il dogma

di Oreste Sartore - I Modernisti che attualmente occupano i vertici ecclesiali sono operosamente intenti a rifare dalle fondamenta l’edificio petrino. Si servono degli utensili messi a loro disposizione dai Costruttori e dai Muratori per abbattere i bastioni difensivi (von Balthasar), per smantellare i muri divisori, le scalinate, le stanze e stanzette (Cantalamessa) e per cancellare vecchi steccati (Grande Oriente). Fuor di metafora, sono tre i fronti su cui è impegnato il clero apostatante. Un primo fronte d’attacco è rivolto contro il semplice fedele, ed ha lo scopo di fargli cambiare il suo rapporto con la fede. Un secondo fronte riguarda i fondamenti dottrinali della religione. Col terzo ed ultimo fronte i Liquidatori del Cattolicesimo prendono di mira la struttura ecclesiale e le sue operazioni con l’obiettivo di renderle compatibili con i primi due tipi di cambiamento.


Leggi »

Giusto e falso Ecumenismo

dalla rubrica Omelie e catechesi di Padre Konrad zu Loewenstein - L'etimologia del termine "ecumenismo" è "Oikoumené", la parola greca che significa "mondo". Il termine "ecumenismo" significa dunque qualche cosa che riguarda tutto il mondo, qualche cosa di universale. Ora, il termine Ecumenismo (con il suo significato di universalismo), viene inteso in due sensi distinti: il primo senso è che tutto il mondo deve divenire cattolico; il secondo senso è che tutti gli uomini si devono unire sulla base di ciò che hanno in comune. Il primo senso di Ecumenismo è il senso Cattolico, il secondo senso è il senso non cattolico! 

Che il primo senso sia Cattolico è già chiaro nell'etimologia del termine "cattolico" che significa "intero": viene dalla parola greca "holos", e si rapporta, tra l'altro, al genere umano itero. Ecumenismo nel secondo senso, non è una questione cattolica, bensì politica, perchè non attiene al bene ultimo dell'uomo in cielo come il cattolicesimo, ma attiene al suo bene su questa terra: alla sua pace con altri quaggiù.


Leggi »

Assisi 1986 - 2016: trent'anni dopo lo scandalo si rinnova

Comunicato della Corsia dei Servi - La Corsia dei Servi fa proprio il comunicato della Fraternità Sacerdotale San Pio X. Non ci dilunghiamo in commenti ma sottoscriviamo parola per parola quanto pubblicato sul sito sanpiox.it

Il 20 settembre 2016, Papa Bergoglio, ripetendo in modo pressoché identico il gesto di Giovanni Paolo II, ha invitato ad Assisi i rappresentanti di tutte le eresie e le false religioni, per metterle sullo stesso piano della Chiesa cattolica. Mentre i modernisti e gli altri eretici sedicenti cristiani pregavano insieme nella Basilica di San Francesco, le altri religioni offrivano culti a false divinità in vari luoghi della città, violando così in modo oggettivo il Primo Comandamento, su impulso dello stesso Francesco.

Il tutto a servizio della propaganda di una pace che deve favorire il nuovo ordine mondiale, di cui il Papato in mano ai modernisti ha accettato la cappellania, ponendosi a presidenza della nuova religione panteista e sincretista (non per nulla l'incontro avveniva nel corso del meeting "Nostra Madre Terra"). Si è fatta chiara professione di totale indifferentismo e si è lasciato chiaramente intendere che nessun dogma ha reale significato, poiché tutte le credenze più contraddittorie sono ritenute degne di considerazione e modi di conoscere e raggiungere il "divino", secondo la più pura gnosi modernista.


Leggi »

La protestantizzazione della chiesa cattolica

di don Giorgio Ghio - La medicina della misericordia va usata solo con l’errante o anche con l’errore? A tale quesito, apparentemente peregrino, la retta ragione non consente di dare se non questa risposta: solo con l’errante (qualora dia segni di disponibilità al ravvedimento e fino a che l’ostinazione non obblighi alla sanzione) e con il preciso scopo di ricondurlo al riconoscimento della verità. L’idea che si possa curare l’errore con la misericordia, invece, è semplicemente assurda: l’uomo ragionevole ha infatti l’obbligo di coscienza non solo di individuarlo, ma anche di confutarlo e di combatterlo. L’errore è un male in sé e, come una malattia, va debellato prontamente perché non si propaghi, infettando le menti e corrompendo la vita morale. A maggior ragione questo ineludibile dovere grava sui Pastori della Chiesa, che devono rispondere a Dio non solo dell’anima propria, ma anche di quelle altrui.


Leggi »

I testi per la lettura comunitaria (per consevare e difendere la nostra Fede)

Facendo seguito a quanto indicato dal comunicato della Corsia dei Servi, ecco le indicazioni dei testi per la lettura comunitaria, in piccoli gruppi di fedeli. Che il nostro impegno e il nostro dovere di fedeli cattolici siano occasione di riflessione e di chiarezza:

per i fedeli, affinché riprendano piena coscienza del proprio dovere di glorificare Iddio santificandosi e del corrispettivo diritto inalienabile di ricevere dai pastori della Chiesa tutti i mezzi necessari a questo fine: dottrina integra e sana, Sacramenti rettamente amministrati e Liturgia che sia inequivocabile confessione di Fede cattolica; per i pastori, affinché riprendano coscienza del loro dovere di dare alle anime tutti i mezzi necessari alla salvezza eterna, perché è solo questo dovere che fonda il corrispondente diritto di essere ascoltati e seguiti dal gregge; per tutti, perché si ristabilisca finalmente l'esatto concetto di ubbidienza, per cui si ubbidisce agli uomini intendendo obbedire a Dio e, in caso di conflitto, si obbedisce a Dio piuttosto che agli uomini.


Leggi »

Ancora su Lutero e la nuova chiesa postconciliare

dalla rubrica Lupi travestiti da agnelli - Dati i profondissimi cambiamenti avvenuti in una non secondaria parte del clero cattolico negli ultimi decenni, con un crescendo esponenziale negli ultimissimi anni, colui che fin da subito e fino a cinquant’anni or sono è stato sempre considerato da tutti i papi, i santi, i teologi, gli ecclesiastici, gli intellettuali cattolici, tutti i fedeli di tutti i tempi e luoghi, come il nemico umano numero uno della fede e della Chiesa cattoliche, si sta trasformando di contro, giorno dopo giorno, in un grande teologo e mistico da celebrare e rivalutare opportunamente... Ora, respondere oportet. Non ai protestanti ovviamente, visto che lo hanno già fatto per secoli papi, santi, dottori e teologi della Chiesa, a partire dal Sacrosanto Concilio di Trento (1545-1563) in poi. Nemmeno al clero apostata odierno, in quanto costoro sanno tutto e quindi sono irrecuperabili (almeno umanamente parlando). È necessario rispondere per tutti quei cattolici, numero immenso – in grandissima parte laici, ma non solo – che, più o meno in buona fede, continua, ingenuamente o caparbiamente, a seguire gli ingannatori e gli sconvolgitori della vera dottrina della Chiesa Cattolica, del Magistero e delle verità evangeliche e naturali, e i mentitori spudorati riguardo la storia vera dei fatti passati, rischiando di finire nel baratro dell’eresia conclamata e perpetrata.


Leggi »

Salvatore e Pontefice (5)

di Columba Marmion - Gesù Cristo è il Verbo incarnato apparso in mezzo a noi, Dio e uomo insieme, vero Dio e vero uomo, Dio perfetto ed uomo perfetto. In lui, due nature sono unite inseparabilmente nella stretta di una sola persona, la persona del Verbo. Questi lineamenti costituiscono l'essere medesimo di Gesù. La nostra fede, la nostra pietà l'adorano come loro Dio per quanto proclamino la commovente realtà della sua umana natura. Se vogliamo approfondire la conoscenza della persona di Gesù dobbiamo contemplare fin da ora, per qualche istante, la sua missione e la sua opera. La persona di Gesù dà alla sua missione e alla sua opera il loro valore; la missione e l'opera di Gesù finiscono di compiere la rivelazione della sua persona. E ciò che vi ha di più notevole è che i nomi che designano la persona stessa del Verbo incarnato, designano nel medesimo tempo la sua missione e ne caratterizzano l'opera. Questi nomi infatti non sono, come troppo spesso i nostri, sforniti di significato. Vengono dal cielo e sono ricchi di senso. Quali sono questi nomi?


Leggi »

Quella chiesa che incensa Lutero

dalla rubrica Lupi travestiti da agnelli - La Chiesa di sempre ha condannato Lutero (e il protestantesimo) indicendo il Concilio di Trento (dogmatico); la chiesa postconciliare, quella nata dal Concilio Vaticano II (pastorale, non dogmatico) lo eleva a modello anche per i fedeli cattolici. Evidentemente ci deve essere qualcosa che non quadra, considerando il fatto che il nero non può essere allo stesso tempo bianco, né l'errore allo stesso tempo verità, né il male allo steso tempo bene. Eppure è curioso costatare che in questi tempi "di aggiornamento" (forzato) viene derubricato ciò che è sempre stato condannato.


Leggi »

Share |