L'Aforisma

Guardate come la rivoluzione si affermi attraverso l'inganno, la seduzione, la falsificazione; si incomincia mettendo da parte i cristiani tradizionali e vitali che avrebbero fatto fiorire il rinnovamento nella fedeltà alla Tradizione della Chiesa, si dà un posto ai rivoluzionari che vogliono il rinnovamento contro la Tradizione e il Vangelo contro la Chiesa, a poco a poco si insegna al popolo cristiano, terribilmente ingannato, a leggere la Scrittura contro la teologia tradizionale, a celebrare la liturgia contro l'adorazione e la contemplazione - Padre Roger Calmel O.P.  

In primo piano

 

Se questo è il "grande" pontefice... il disastro prima di Bergoglio

 

dalla rubrica Per aspera ad astra a cura di Stefano Arnoldi - E' davvero penoso scrivere queste righe perché più si scava in profondità approfondendo fatti e vicende della chiesa cattolica degli ultimi 50anni, più si materializza inesorabilmente la presa d'atto che vi sono pontefici che hanno contribuito con i loro atti e i loro pontificati al dissolvimento della fede e alla distruzione certosina della cattolicità: liturgia, dottrina, spiritualità... tutto è stato trafitto al cuore da una regia perversa che ha accomunato tutti - ma proprio tutti - i pontefici conciliari...

Leggi »

Non desiderare la roba d'altri

Elementi di catechesi a cura di Veronica Tribbia -  Il decimo Comandamento ci proibisce l'avidità sfrenata delle ricchezze, senza riguardo ai diritti e al bene del prossimo. I peccati dannosi al bene altrui e proibiti dal settimo Comandamento nascono dal desiderio eccessivo dei beni materiali: perciò il decimo Comandamento proibisce questo smodato desiderio delle ricchezze senza riguardi verso il prossimo. Innanzitutto, Dio proibisce l'avidità perché è il principio e la causa dei danni reali che accadono col peccato contro il settimo Comandamento; inoltre, perché questo erroneo desiderio fa dimenticare che l'unico e solo vero desiderio che dobbiamo avere riguarda le ricchezze spirituali...


Leggi »


Riflessioni sullo stato attuale della Chiesa/3

a cura della Redazione - La frattura tra unità di Fede ed una pretesa unità di comunione con la gerarchia pro tempore, che omette, tace, altera la dottrina ricevuta da Dio e trasmessa dalla Chiesa, determina nella Chiesa pellegrina sulla terra uno stato “straordinario”, cioè uno stato non ordinario e non regolare delle cose. Lo stato normale ed ordinario della Santa Chiesa cattolica è che la gerarchia, nell'orientamento che ha la missione di darle dall'esterno, assecondi o, quantomeno, non contraddica, l'orientamento che il Suo Capo invisibile ha dato inizialmente alla Chiesa e continua tuttora a darle mediante la Grazia...


Leggi »


E adesso, cari utili idioti, come la mettiamo?

dalla rubrica Il Libraio - In un'intervista rilasciata su 7, il settimanale del Corriere della Sera, Ratzinger è chiarissimo: "Il Papa è uno, è Francesco”. Dunque, e non è la prima volta per la verità, Papa Benedetto indica e “benedice” Papa Bergoglio quale punto di riferimento per l'intera cattolicità. Bene, e adesso, cari utili idioti, come la mettiamo? Non eravate voi quelli che hanno sempre puntato il dito su Bergoglio e il suo nefasto pontificato evidenziando, al contrario, la diversità e le profondità spirituali del pontificato di Benedetto XVI? Non eravate voi quelli che hanno scritto fiumi di articoli, appelli, raccolte firme, moniti e quant'altro contro le derive bergogliane indicando, al contrario, gli utili insegnamenti dottrinali, morali e liturgici di Benedetto XVI?...


Leggi »


Domenica del Corpus Domini

Commenti al Vangelo a cura della Redazione - (Gv 6, 56-59) In quel tempo Gesù disse alle turbe dei Giudei: La mia carne è veramente cibo, il mio sangue è veramente bevanda. Chi mangia la mia carne e beve il mio sangue vive in me e io in lui. Come il Padre che mandò me è vivo, e io vivo nel Padre, così chi mangia la mia carne vive di me. Questo è il pane che discende dal cielo. Non avverrà come per i Padri vostri, che mangiarono la manna e sono morti; perché chi mangia questo pane vivrà in eterno...


Leggi »


L'ecumenismo in salsa conciliare

L'Alfiere (Commenti al bestiario della chiesa conciliare) - “Il pluralismo e le diversità di religione sono una sapiente volontà divina”. Così recita il “Documento sulla fratellanza umana per la pace mondiale e la convivenza comune” del 4 febbraio 2019 firmato ad Abu Dhabi da papa Bergoglio e il Grande Imam di Al-Azhar, Ahmad al-Tayyeb. Non si può essere più chiari di così: questa chiesa rinuncia alla missione (datale da Nostro Signore Gesù Cristo!) di evangelizzare tutte le genti e battezzarle, perché chi crederà sarà salvo e chi non crederà sarà dannato; questa chiesa, che porta avanti un ecumenismo scandaloso, si impegna a promuovere il “buon musulmano”, il “buon buddista”, il “buon ebreo”, il “buon induista”, e così via, perché in fondo “Dio è lo stesso per tutti”... 


Leggi »


Conseguenze morali dei singoli peccati

dalla rubrica John Henry Newman - “Sappiate che il vostro peccato vi raggiungerà” (Nm 32,23) - Questo è uno dei passi, negli scritti ispirati, che, pur introdotto in una occasione particolare e con una intenzione limitata, esprime una verità di carattere generale, che ci ap­pare immediatamente andar ben oltre il contesto specifico, e che noi useremo a prescindere da esso. Mosè ammoniva le tribù di Gad e di Ruben, che avevano ricevuto per prime la loro eredità, che se non avessero combattuto a fianco dei loro fratelli per aiutarli a conquistare la loro, il loro peccato li avrebbe raggiunti e visitati. E mentre egli così parlava, lo Spirito Santo, che parlava per mezzo suo, dava alle sue parole un intento ben più ampio, quello dell’edificazione della Chiesa fino alla fine dei tempi. Egli intimava la grande legge del governo divino, alla quale tutti coloro che lo stu­diano danno testimonianza, che cioè un peccato è sempre seguito dalla sua punizione...


Leggi »


Focus e articoli scelti dalla rete

 

 

 

SOCIETA' DI SAN MARTINO DI TOURS E DI SAN PIO DA PIETRALCINA - PER AIUTARE I PRETI PERSEGUITATI

E' un'associazione di beneficenza il cui scopo è quello di portare assistenza economica a quanti si trovino in situazioni di indigenza, non dipendenti da loro colpa grave. 
L’indigenza può avere molte cause, e oggi ci troviamo, purtroppo, a dover fronteggiare una situazione nuova, impensabile un tempo: la persecuzione dei sacerdoti fedeli alla Dottrina. Accade infatti che ci siano sacerdoti che proprio per la loro fedeltà alla Dottrina e alla Tradizione vengono perseguitati, emarginati e si trovano senza mezzi di sussistenza.
Per saperne di più LEGGI LA PRESENTAZIONE 

PROGETTO MONDO PICCOLO

Vogliamo dimostrare che vivere guareschianamente è possibile, per questo Progetto mondo piccolo collabora con i tanti mondi piccoli sparsi per tutta l’Italia: aziende agricole, produttori, artigiani e qualsiasi attività in linea con i principi di un mondo buono e a misura d’uomo, per promuoverne lo stile di vita e i prodotti. 
Per saperne di più LEGGI LA PRESENTAZIONE 

SUORE CONSOLATRICI DEL SACRO CUORE

Siamo nate ufficialmente nel 1961 in un clima di fervore e di entusiasmo o meglio, di tutto ciò che di bello, di grande e di nobile può sbocciare dalla giovinezza illuminata e resa forte dalla Grazia.
Il nostro fondatore, P. Basilio Rosati Passionista, aveva saputo trasmettere nei nostri cuori il fuoco di un grande ideale: “Consolare il Cuore divino di Gesù” tanto amareggiato per l’ingratitudine, la freddezza, gli oltraggi, i tradimenti di tante anime a lui particolarmente care perché redente dal Suo Sangue preziosissimo.
Per saperne di più LEGGI LA PRESENTAZIONE 
Per una donazione inviare un bonifico bancario sul c/c intestato a Associazione Consolatrici del Sacro Cuore di Gesù 
IBAN: IT 22 L 03069 72711 100000000121

Chiesa senza fede, popolo senza destino

di Alessandro Gnocchi
su ricognizioni.it
Ci fosse un popolo, le Carole Rackete navigherebbero al largo delle coste italiche e deporterebbero altrove il loro carico di ideologia umanitaria. Ma il popolo non c’è. L’Italia, come il resto dell’occidente postcristiano e postillimunista, è solo un agglomerato di atomi che non vuole pensieri mentre guarda l’ultima serie tv su Sky, gioca con lo smartphone e il sabato sera si gode un po’ di santa trasgressione secondo il magistero di Amoris Laetitia. Società civile, insomma, in grado di ingurgitare, digerire ed espellere qualsiasi fremito identitario in nome di una carità ridotta a cedimento, di una virtù ridotta a vizio, di un credo ridotto a dialogo...

Leggi »


Quale posto per la dottrina?

di Don Pierre-Marie Berthe, FSSPX
su unavox.it
Nel corso del suo magistero, Papa Francesco sta invitando i cattolici a non focalizzarsi sulle questioni dottrinali, ma piuttosto a vivere secondo il Vangelo. Se non è impossibile trovare nella Chiesa dei comportamenti che in maniera marginale danno senso ad un tale discorso, le dichiarazioni del Pontefice sollevano tuttavia delle grosse difficoltà.
Da una parte esse non sono in linea con i testi della Tradizione cattolica, dall’altra non sembrano appropriate alle attuali necessità della Chiesa...

Leggi »


E’ l’ignoranza circa la fede il primo male da combattere

di Andrea Mondinelli
su aldomariavalli.it
Ricevo dall’amico Andrea Mondinelli e volentieri vi propongo questa riflessione. Il mio buon caro amico Aldo Maria Valli, nel suo post dell’8 giugno, commenta un ottimo libro di Corrado Gnerre. La ricetta sintetizzato nel titolo del post è “Perché in questo mondo impazzito dobbiamo tornare al buon senso cristiano”. Aldo rimarca che Gnerre fa bene a scrivere: “Forse, a riguardo, un po’ di ripasso del catechismo non farebbe male. Dio non è venuto nel mondo per eliminare la guerra e il terrorismo, né per offrire il panino a tutti risolvendo i problemi della fame e della giustizia sociale, ma per portare la Salvezza con la S maiuscola”...

Leggi »


Per un po' non riunitevi più

Editoriale di Radicati nella fede
su radicatinellafede.blogspot.com
La crisi è lunga, lunghissima, sembra non aver fine. 
Ogni giorno è un bollettino di guerra: chiese chiuse, diocesi accorpate, istituti religiosi commissariati o estinti, cardinali contro cardinali, monsignori che rilasciano interviste accusatorie al Papa e al Vaticano, denunce processi incarcerazioni di ecclesiastici, riduzioni allo stato laicale. E poi, cosa peggiore in questi bollettini di guerra, le novità bisbigliate, smentite e riconfermate: abolizione del celibato sacerdotale per l'Amazzonia, diaconato femminile, donne cardinali, laici per para-messe, comunione ai divorziati e ai concubini... e l'elenco potrebbe continuare, ma ci si stanca la mano, e il cuore soprattutto, a scriverne...

Leggi »