Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

L'AFORISMA - Confessare la fede nella Chiesa di fronte al modernismo, essere contenti di poter soffrire per rendere una bella testimonianza alla Chiesa ovunque tradita, significa vegliare con lei nella sua agonia o vegliare con Gesù, che continua, nella sua Chiesa afflitta e tradita, la sua agonia dell’Orto degli Olivi. Nella misura in cui saremo fedeli nel vegliare, inaccessibili al timore mondano e allo sconforto, sapremo per esperienza che la Santa Chiesa è un mistero di forza soprannaturale e di pace divina sempre - Padre Roger Thomas Calmel 


AVVISO - Nel mese di luglio e in quello di agosto le pubblicazioni sulla Corsia subiranno un rallentamento per via del periodo estivo/vacanziero. Ai confratelli e ai nostri lettori consigliamo di approfittare del periodo di riposo leggendo una sana lettura (nella rubrica ...da leggere si possono trovare alcuni preziosi consigli; oppure nella sotto-sezione Testi e documenti è possibile scaricare i libri formativi utilizzati dalla Corsia, ricchi di spunti meditativi e di utili riflessioni).

Proponiamo inoltre a tutti i confratelli di recitare il S.Rosario quotidiano in riparazione delle offese a Nostro Signore Gesù Cristo e per la conversione di quel clero che si è fatto Giuda Iscariota. Che la Madonna ci protegga e rimanga sempre accanto a noi!   -   La Redazione 

La Barca di Pietro nella tempesta

di don Pierpaolo Maria Petrucci - I movimenti rivoluzionari anticristiani che si susseguono nella storia manifestano, nella loro logica distruttiva e sovraumana, l'intelligenza preternaturale che li ispira. Il laicismo contemporaneo, sviluppatosi a livello sociale con la Rivoluzione francese, non può essere che un passaggio e dietro i movimenti e le ideologie che ne derivano appare sempre più chiaramente il volto di chi ne è l'ispiratore. Il trionfo del Nemico di Dio appare ancora maggiormente nelle leggi che si oppongono all'ordine naturale e in particolare alla famiglia; Satana vuole la distruzione dell'uomo creato all'immagine di Dio già in questa vita, nell'attesa di trascinare con lui le anime all'inferno. Per instaurare un “nuovo ordine mondiale” sulle rovine del cristianesimo deve comunque prima distruggere ciò che gli fa ostacolo e cioè la Chiesa cattolica...


Leggi »

La più grande tragedia mai subita dalla Chiesa

dalla Redazione - Cosa sta succedendo nella Chiesa oggi? Come leggere i segni dei tempi? Proponiamo la seguente lettura, interessantissima quanto fondamentale. L'obiettività del lettore consentirà di comprendere tante cose, cose essenziali e di vitale importanza per la salute della propria anima. Perché è di questo che si tratta: il futuro della nostra anima, la sua destinazione eterna.

Un anno dopo il Concilio Vaticano II la fede di molti era talmente scossa che il Card.Ottaviani, allora Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede (ex Sant'Uffizio), chiedeva a tutti i vescovi del mondo e ai superiori generali di Ordini e di Congregazioni, di rispondere ad un'inchiesta sul pericolo che correvano certe verità fondamentali della nostra Fede.

Questa fu la risposta dell'allora Superiore Generale della Congregazione del Santo Spirito, Vescovo di Santa Romana Chiesa.


Leggi »

Il Matrimonio cristiano e i suoi nemici

di Oreste Sartore - Uno dei primi e fondamentali legami sociali è il matrimonio, il vincolo con cui i coniugi - un uomo e una donna -, si impegnano di fronte alla società ad unirsi in modo stabile ed esclusivo, promettendosi fedeltà reciproca ed obbligandosi a mantenere ed educare i figli nati dall'unione, che diventano gli eredi legittimi del patrimonio (lat. patrimonium, vale a dire munus – compito - del padre). Il matrimonio è uno dei segni che indicano la fuoruscita dall'età ferina e dallo stato di barbarie ed il passaggio alla civiltà; dal matrimonio trae origine la famiglia, cellula base dell’unica società veramente umana. Dalla Rivelazione ricaviamo l’origine sessuata della specie umana, il comando ad essere fecondi, l’istituzione del matrimonio e la sua tutela con i precetti del Decalogo. Si configura quindi come un istituto di diritto naturale dotato di sigillo sacrale.


Leggi »

Come dobbiamo comportarci?

dalla rubrica Il Libraio - In questi tempi di apostasia in cui sono stati inghiottiti gran parte del clero cattolico (e che perciò cattolico non lo è più) e uno sterminato numero di fedeli che sciaguratamente si sono fatti seguaci di pastori privi di Fede, una domanda si presenta costantemente nel cuore di coloro che sono rimasti fedeli a Gesù Cristo, al Suo insegnamento, alla Sua Chiesa: un cristiano, un vero cattolico cristiano, cosa deve fare, come si deve comportare in un contesto del genere quando si hanno di fronte persone, anche amici e parenti, persino sacerdoti, vescovi e cardinali che si oppongono e addirittura contrastano la Verità? Come si deve reagire quando dinanzi si trovano persone che odiano la Tradizione e perseguitano con ingiurie, calunnie e profonde cattiverie quanti intendono essere fedeli a ciò che la Chiesa ha sempre detto e fatto?


Leggi »

Chiesa in via di protestantizzazione

di don Claudio Crescimanno - È da un po’ che nella vita della Chiesa accadono cose preoccupanti. Ma non pare che siano in molti a preoccuparsi. E questo merita una riflessione.[...] Un pensiero non cattolico si è fatto strada ed è diventato predominante in molti ambienti della Chiesa cattolica, in molte facoltà teologiche, seminari, ordini religiosi, e, attraverso una capillare divulgazione, in molte comunità di fedeli; poi i rappresentanti di queste componenti ecclesiali si ritrovano nelle migliaia di convegni, assemblee, consigli pastorali dell’orbe cattolico, e così questo pensiero diviene predominante e maggioritario nella Chiesa intera. 


Leggi »

La Chiesa e il mondo

dalla rubrica John Henry Newman - S. Giovanni dice espressamente: «Non amate né il mondo, né le cose del mondo! Se uno ama il mondo, l’amore del Padre non è in lui; perché tutto quello che è nel mondo, la concupiscenza della carne, la concupiscenza degli occhi e la superbia della vita, non viene dal Padre, ma dal mondo» (1 Gv2, 15.16). E ancora: «Tutto il mondo giace in potere del maligno» (1 Gv2,15.16). Il mondo può essere in un epoca un po’ migliore o un po’ peggiore che in un’altra, ma nella sostanza è sempre lo stesso. Il corso visibile delle cose nel suo complesso, nazioni, imperi, stati, ordinamenti, professioni, commerci, società, attività di ogni genere, è, non dico direttamente e formalmente peccaminoso, ma viene dal male; le cose ne sono intrise, ne diventano uno strumento, ne riflettono la natura; sono progenie di Adamo peccatore, recano il tarlo del suo peccato; non sarebbero mai state come le vediamo, se Adamo non avesse peccato. Tutte e ciascuna di esse nel mondo sono in se stesse aliene da Dio, e devono essere inizialmente viste e trattate come tali; e benché, grazie a Dio, per la potenza del Vangelo, vi siano eccezioni a tale regola, e sia nostro dovere mirare a moltiplicarle, sarà tuttavia necessario accertare che siano tali, prima di poterle prendere per tali. Satana è il Dio di questo mondo. Dio creò tutte le cose buone; ma quando l’uomo cadde, un cattivo spirito se ne impossessò, ed esse sono cattive fino a che Dio non le tocca nuovamente con un raggio della sua luce. 


Leggi »

Il Misericordismo è moralismo

dalla rubrica Lupi travestiti da agnelli - Il “Misericordismo” tanto in voga è pur sempre moralismo. Lo vedete tutti, va di moda presentare la Chiesa Cattolica come colei che perdona sempre, che accoglie senza giudicare. Chi vuol star dentro al nuovo corso della chiesa ammodernata ormai deve presentarsi così. Sono tanti i pastori nella Chiesa che non osano pronunciare nemmeno più una condanna riguardo al peccato – a meno che questa condanna non segua i dettami della cultura laicista dominante – e che si riprogrammano come silenti misericordisti; e sotto questo misericordismo sembrano benedire i peccati più orrendi che diventano libertà civili. Questo misericordismo è un triste moralismo; fa parte di quella “sbandata cattolica” che porta la Chiesa ad interessarsi solo della morale, dimenticando quasi del tutto le verità di fede. Certo che la morale è importante, ci mancherebbe altro!, ma se la morale non parte dal dogma, da Dio insomma, finisce per trasformarsi in una triste “istruzione per l'uso”.


Leggi »

Quale Messa?

dalla Redazione - Ci giungono spesso in redazione richieste di chiarimento sull'opportunità o meno di assistere a Messe celebrate con il Novus Ordo; inoltre, è anche problema di molti fedeli poter frequentare assiduamente chiese in cui si celebri la Messa in Vetus Ordo, ossia la Messa “di sempre”, in lingua latina (che è la lingua della Chiesa, giova ricordare). Si tratta di chiarire una volta per tutte la questione più delicata della Chiesa cattolica perché la crisi di apostasia che ha colpito la maggior parte del clero ha evidenziato ormai chiaramente la necessità, per chi si professa cattolico e intende salvarsi l'anima, di scegliere da che parte stare: o con la Tradizione e l'insegnamento immodificabile e autentico di Cristo, o con la nuova chiesa cosiddetta “conciliare” che impone la sua nuova liturgia e la sua nuova dottrina. 


Leggi »

Share |