Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

L'AFORISMA - L'incomprensione del presente nasce inevitabilmente dall'ignoranza del passato - Marc Bloch


SCARICA IL pdf CON IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA  

 


Cardinali che invitano a leggere Lutero

dalla rubrica Lupi travestiti da agnelli - «Dopo cinquant’anni di dialogo ecumenico, anche per un cristiano cattolico è possibile leggere con rispetto i testi di Lutero e trarre vantaggio dalle sue idee». Questa non è la dichiarazione di un protestante e neppure di un prelato protagonista di un romanzo sulla “fantachiesa”, ma del Cardinale Arcivescovo di Monaco e Frisinga Reinhard Marx, Presidente della Conferenza episcopale tedesca, nonché coordinatore del Consiglio per l’economia istituito dal Papa, il quale ha esternato le sue sconcertanti considerazioni in un articolo pubblicato sul periodico “Politik & Kultur” del 2 gennaio scorso. Dunque, seguendo il pensiero marxiano, Pontefici, cardinali, vescovi, teologi, santi, martiri per la fede…. compreso tutto il Concilio di Trento, dovrebbero essere cancellati con un colpo di spugna...


Leggi »


Esclamazioni di Santa Teresa

di Santa Teresa d'Avila - Voi, mio Dio, fateci comprendere qual è la ricompensa riservata a coloro che combattono valorosamente nel breve sogno di questa miserabile vita. Anime amanti, otteneteci di comprendere la felicità che vi inonda al pensiero che il vostro gaudio sarà eterno e quanto sia piena la gioia di cui vi riempie la certezza che il vostro stato non avrà mai fine.


Leggi »


Pawel e le parole del suo confessore

dalla rubrica Il Libraio - “Tutte le grazie necessarie vengono date, ma tu devi chiederle a Nostro Signore. Alla tua porta giunge un ospite, ma sei tu che devi invitarlo dentro la tua casa”.

“Io chiedo e chiedo e chiedo, eppure le tentazioni ritornano”.

“Stai fraintendendo qualcosa, figlio mio. Spesso desideriamo fare una piccola preghiera e trovare che la tentazione o la difficoltà se ne spariscano. Presto! Eco che se n'è andata”.

“Non per me. Ritorna”.

“Sì, ritorna, e questo perché la grazia non è una bacchetta magica. La grazia è l'amore di Dio che scorre dentro di me, e la tua risposta alla grazia deve essere l'amore che scorre in risposta verso di Lui”. 

“Ma perché semplicemente Egli non mi cambia?”. 


Leggi »


Memento, homo, quia pulvis es, et in pùlverem revertèris

dalla rubrica Omelie e catechesi di Padre Konrad Zu Loewenstein - Carissimi fedeli, colgo l'occasione del Mercoledì delle Ceneri per presentarvi qualche considerazioni sulla Morte, prese da sant'Alfonso de Liguori. "E quel gentiluomo conosciuto come persona divertente e anima della compagnia, ora dov'è? Se entrate nella sua stanza, ora non c'è più; se cercate il suo letto, è stato occupato da un altro, le sue vesti, le sue armi, altri se le sono già prese e divise; se volete vederlo affacciatevi a quella fossa, dove si è trasformato in sozzura, in ossa prive di carne e così sarà anche per te, e in quella stanza nella quale tu avrai esalato l'ultimo respiro e sarai stato giudicato da Gesù Cristo, si ballerà, si mangerà, si giocherà e si riderà come prima, e l'anima tua allora, dove sarà?" Mettiamoci, carissimi, nell'immaginazione sul letto di morte e guardiamo ciò che avremmo cambiato nella nostra vita. Ringraziamo il Signore per il tempo che ci concede adesso, per mettere a regola la nostra vita, cominciamo con questo lavoro di conversione già oggi.


Leggi »


Resistere!

COMUNICATO DELLA CORSIA - Estratto dell'omelia di Papa Bergoglio in occasione dell'ordinazione di nuovi cardinali (15/02/15): “Gesù non pensa alle persone chiuse che si scandalizzano addirittura per una guarigione, che si scandalizzano di fronte a qualsiasi apertura, a qualsiasi passo che non entri nei loro schemi mentali e spirituali. [Non pensa a quanti si scandalizzano difronte] a qualsiasi carezza o tenerezza che non corrisponda alle loro abitudini di pensiero e alla loro purità ritualistica. Egli ha voluto integrare gli emarginati, salvare coloro che sono fuori dall’accampamento”. 

A queste parole che, camuffate di misericordia e ambiguo buonismo, esprimono durezza e livore nei confronti del solito bersaglio sagacemente mai nominato esplicitamente (coloro che difendono la Tradizione), rispondiamo con quelle, sofferte e santamente profetiche, di mons. Marcel Lefebvre: “L'obbedienza costituisce un argomento grave. Restare uniti al magistero della Chiesa e particolarmente al Sommo Pontefice è una delle condizioni indispensabili alla salvezza. Noi ne siamo sempre profondamente coscienti […]. Siamo attaccati al Papa finché si fa eco delle tradizioni apostoliche e degli insegnamenti di tutti i suoi predecessori. Per definizione stessa, il successore di Pietro è tenuto a custodire questo deposito. Pio IX ci insegna nella Pastor aeternus: – Lo Spirito Santo non è stato infatti promesso ai successori di Pietro per consentire loro di pubblicare in seguito a personali sue rivelazioni una nuova dottrina, ma di custodire strettamente e di esporre fedelmente, con la sua assistenza, le rivelazioni trasmesse dagli Apostoli, vale a dire il deposito della fede -. L'autorità delegata da Nostro Signore al Papa, ai vescovi e al sacerdozio in generale, è al servizio della fede. Servirsi del diritto, delle istituzioni, dell'autorità per annientare la fede cattolica e non comunicare più la vita, è praticare l'aborto o la contraccezione spirituale!


Leggi »


L'atto di abbandono (contro le ansie e le afflizioni)

di don Dolindo Ruotolo - Parla Gesù: Perché vi confondete agitandovi? Lasciate a Me la cura delle vostre cose e tutto si calmerà. Vi dico, in verità che ogni atto di vero, cieco e completo abbandono in Me produce l'effetto che desiderate e risolve le situazioni più spinose. Abbandonarsi a Me non significa arrovellarsi, sconvolgersi e disperarsi, volgendo poi a Me una preghiera agitata perché Io segua voi: è cambiare l'agitazione in preghiera.


Leggi »


I frutti del Concilio Vaticano II

di Radicati nella Fede - Ma dov'è la primavera del Concilio? Dove sono i suoi frutti? C'è un dogmatismo nuovo, che non riguarda i dogmi di sempre, le verità eterne rivelate da Dio e custodite dalla Chiesa nel suo Credo; è un dogmatismo di opinione, su una questione che ti vietano di discutere: i frutti della primavera del Concilio. Si può variare quasi tutto nella Chiesa di oggi: le verità di fede ti concedono di reinterpretarle. Se i comandamenti ti stanno stretti, una schiera di teologi e pastori ti suggeriscono di situazionarli nel contesto attuale, così da addolcirli. Se poi obbedire non ti va, puoi sempre scoprire un nuovo carisma che ti cada su misura. Puoi fare tutto o quasi, tranne mettere in discussione la primavera del Concilio.


Leggi »


Share |