Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

Nuova immagine

L'AFORISMA - Il divorzio è il passaporto per l'Inferno - Padre Pio 


SCARICA IL pdf CON IL PROGRAMMA DELLA GIORNATA

ATTENZIONE!: IL 25 APRILE E' IL TERMINE ULTIMO PER INVIARE E-MAIL DI CONFERMA PARTECIPAZIONE ALLA GIORNATA DELLA CORSIA  


Lettera di Mons. Lefebvre al Card. Ottaviani - 6

di Mons. Marcel Lefebvre - Eminenza, La Sua lettera del 24 luglio, riguardante la messa in discussione di alcune verità, è stata comunicata, attraverso i buoni uffici della nostra segreteria, a tutti i nostri Superiori maggiori. 
Ci sono pervenute poche risposte. In quelle che ci sono pervenute dall’Africa non si nega che in questo momento ci sia una grande confusione nelle menti. Anche se queste verità non sembrano essere messe in discussione, in pratica si assiste ad una diminuzione del fervore e della regolarità nella ricezione dei sacramenti, soprattutto del Sacramento della Penitenza. 
Si riscontra una notevolmente diminuzione del rispetto dovuto alla Santa Eucaristia, soprattutto da parte dei sacerdoti, e una scarsità di vocazioni sacerdotali nelle missioni di lingua francese: le vocazioni nelle missioni di lingue inglese e portoghese sono meno influenzate dal nuovo spirito, ma già le riviste e i giornali stanno diffondendo le teorie più avanzate.
Sembrerebbe che il motivo per il limitato numero di risposte ricevute, sia dovuto alla difficoltà di cogliere questi errori, che sono diffusi ovunque...


Leggi »


Il cavaliere, la principessa e il drago

dalla rubrica L'amore, il fidanzamento, il matrimonio: itinerario della felicità - Ogni storia di draghi e cavalieri che si rispetti contempla un drago cattivo, un cavaliere bello e forte e una principessa bellissima da salvare. Anche questa storia, che vuole nel suo piccolo farsi rispettare, conosce un drago, un cavaliere e una principessa. Sulla cattiveria del drago nessuno ha mai dubitato; sulla forza e la bellezza del cavalieri più o meno tutti; sulla principessa si è dubitato persino esistesse. Ma andiamo con ordine. C’era una volta, e per ogni volta che un uomo nasce e cresce ci sarà sempre, un cavaliere e un drago. Vivono entrambi nello stesso posto, come l’ombra con la figura che proietta, ma vengono da posti diversi. Ed è per questo che il cavaliere cerca da sempre e per sempre cercherà di farlo, di sconfiggere il drago. È una lotta serrata, fatta di inganni e meschinità, di paure e le debolezze, errori, limiti e ferite di ogni tempo. Il drago c’è, nessuno (a parte gli stolti) può negarlo. C’è chi impara a conviverci trasformandosi anch’egli in bestia. C’è chi fa finta di non vederlo, cedendo alle sue illusioni. C’è invece, e questi sono i cavalieri, chi riconosce il drago come drago e in quanto cavalieri lo combattono.


Leggi »


Breve esame critico del Novus Ordo Missae

di Card. Ottaviani e Card. Bacci - Lettera di presentazione a Paolo VI - Beatissimo Padre, esaminato e fatto esaminare il Novus Ordo preparato dagli esperti del Consilium ad exquendam Constitutionem de Sacra Liturgia, dopo una lunga riflessione e preghiera sentiamo il dovere, dinanzi a Dio ed alla Santità Vostra, di esprimere le considerazioni seguenti: 1) Come dimostra sufficientemente il pur breve esame critico allegato - opera di uno scelto gruppo di teologi, liturgisti e pastori d’anime - il Novus Ordo Missæ, considerati gli elementi nuovi, suscettibili di pur diversa valutazione, che vi appaiono sottesi ed implicati, rappresenta, sia nel suo insieme come nei particolari, un impressionante allontanamento dalla teologia cattolica della Santa Messa, quale fu formulata nella Sessione XXII del Concilio Tridentino, il quale, fissando definitivamente i «canoni» del rito, eresse una barriera invalicabile contro qualunque eresia che intaccasse l’integrità del magistero...


Leggi »


Padre Pio: la vanagloria è contraria alla perfezione

di Padre Pio - Nostro Signore per addimostrarci quanto la vanagloria sia contraria alla perfezione, ce lo dimostra con quella riprensione che fece agli apostoli, quando li vide pieni di compiacenza e di vanagloria, allorché i demoni si mostravano obbedienti ad ogni loro comando: “non rallegratevi però perché i demoni si sottomettono a voi; rallegratevi piuttosto che i vostri nomi sono scritti nei cieli” (Lc 10,20). E per radicar bene i tristi effetti di questo maledetto vizio nelle loro menti, allorché riesce ad insinuarsi nei cuori, li atterrisce ponendo sotto i loro occhi l’esempio di Lucifero precipitato da tanta altezza per la vana compiacenza che si prese delle doti, a cui Iddio lo aveva innalzato: “io vedevo satana cadere dal cielo come la folgore”(Lc 10,18).


Leggi »


La Divina Misericordia

dalla rubrica Omelie e catechesi di Padre Konrad Zu Loewenstein - Carissimi fedeli, in questo santo tempo di Pasqua dobbiamo tenerci continuamente davanti agli occhi la Misericordia di Dio perché la Crocifissione nell'ombra della quale ci riposiamo è la sua espressione definitiva. Cosa è precisamente la Misericordia di Dio? ci chiediamo oggi. Può essere descritta come l'Amore di Dio verso le sue creature bisognose. Quando riflettiamo un attimo vediamo che siamo nel bisogno costante in ogni senso: senza Dio non potremmo continuare nell'essere ma cadremmo tutti nel niente; senza il Cibo e la Bevanda che ci provvede Lui non potremmo sopravvivere; senza i Sacramenti, il Battesimo e la Confessione in particolare, saremmo tutti condannati all'Inferno; inoltre siamo ignoranti, fallibili, e vulnerabili nel corpo e nell'anima, ma Dio ci ama e si occupa di noi. La Sacra Scrittura non mette nessuna qualità di Dio in più grande evidenza della Sua Misericordia.

 


Leggi »


Fede ed evoluzione

di Card. Giuseppe Siri - Il tema che debbo trattare equivale ad una spassosissima commedia umana. Giudicherete voi. 
Mettiamo subito chiari i termini. Qui "Fede" significa il complesso della Rivelazione Divina fatta agli uomini da Dio, perfezionata e completata in Cristo. Questa Rivelazione parla anche dell'origine del mondo e delle specie viventi nonché dell'uomo. Ma ne parla solo per dire quel che ha fatto Dio.


Leggi »


La perseveranza nelle tribolazioni (Santo Curato d'Ars)

di San Giovanni Maria Vianney - Non crediamo che esista un luogo su questa terra ove poter sfuggire alla lotta contro il demonio. Ovunque lo troveremo ed ovunque cercherà di toglierci la possibilità del paradiso, ma sempre e in ogni luogo potremo uscire vincitori dal confronto. Non è come per gli altri combattimenti, in cui, tra le due arti in causa, c’è sempre un vinto; nella lotta contro il demonio, invece, se vogliamo possiamo sempre trionfare con l’aiuto della grazia di Dio che non ci viene mai rifiutata.


Leggi »


Il nostro parere su Alleanza Cattolica

dalla rubrica Lupi travestiti da agnelli - Alcune e_mail giunte in Redazione ci chiedono un nostro parere su Alleanza Cattolica. Quello che possiamo dire è che conosciamo alcune persone (poche) che fanno parte di tale associazione e che stimiamo in quanto siamo certi siano persone per bene; ne conosciamo altre (troppe) che invece non mancano di dare prova di un intelletto volontariamente accecato in questioni dottrinali e liturgiche, con ciò seguendo un modus operandi pernicioso e assai ambiguo nelle questioni che contano; un modus operandi che pare essere divenuto il marchio di fabbrica di AC.  La nostra posizione non si basa sul sentito dire ma dall'aver sperimentato in prima persona e visto con i nostri occhi la posizione e l'atteggiamento di questa associazione i cui iscritti, abbiamo sempre notato, nutrono una sorta di curiosa venerazione per il prof. Introvigne, guru di un'associazione che ci ha dato spesso l'impressione di essere più che altro una sorta di movimento stile testimoni di Geova. Per chi segue corsiadeiservi.it dall'inizio della sua nascita, si ricorderà che abbiamo pubblicato (e rimosso) alcuni articoli di Massimo Introvigne e tenuto con AC una conferenza insieme a Magdi Allam, nostro ex-collaboratore. Il motivo di questa “collaborazione” era motivata dal fatto che alcuni nostri conoscenti ci consigliarono di contattare AC, associazione già strutturata e radicata sul territorio al contrario della Corsia, alla ricerca di persone cattoliche con cui condividere ideali e contenuti...


Leggi »


Il segreto meraviglioso del Santo Rosario/2

di San Luigi Maria Grignion da Montfort - Il Credo o Simbolo degli Apostoli, recitato sul Crocifisso della corona, essendo il compendio delle verità cristiane, è preghiera molto meritoria perché la fede è base, fondamento e principio di tutte le virtù cristiane, di tutte le verità eterne e di tutte le preghiere gradite a Dio. Chi s'accosta a Dio deve credere (Eb 11,6): chi si accosta a Dio con la preghiera deve incominciare con un atto di fede; più avrà fede e più la sua preghiera sarà efficace e meritoria per lui e gloriosa per Dio. Le fede è l'unica chiave che ci apre la comprensione dei misteri di Gesù e di Maria espressi dal santo Rosario; perciò all'inizio occorre recitare il Credo con grande attenzione e devozione, poiché più viva e forte è la nostra fede e più il Rosario sarà valido.


Leggi »


Share |