Home / Attualità / Raccolta anno 2019 / Benedetto XVI termina il suo silenzio

Benedetto XVI termina il suo silenzio

Papa Emerito Benedetto XVI ha pubblicato l'11 aprile 2019 un testo che corre a circa una dozzina di pagine sulla rivista mensile tedesca Klerusblatt. In essa dà le sue opinioni sugli scandali nella Chiesa, sulla grave crisi che stanno causando e sui regolari attacchi alla Chiesa istituzionale da parte dei media. Spiega che sta pubblicando questo saggio con l'approvazione del Segretario di Stato vaticano, il cardinale Pietro Parolin, e di Papa Francesco.

Benedetto XVI emerge dal suo silenzio

I pregi di questo documento sono indiscutibili, per diversi motivi. Nel mezzo di questo tumulto, il suo autore cerca di far luce su certe aree oscure e arriva fino a rivelare disfunzioni profonde, sia passate che presenti, nella Chiesa. Il documento potrebbe essere letto come una sorta di mea culpa, e bisogna riconoscere che ci è voluto un po 'di coraggio per scriverlo. L'approccio dell'eternità era forse un fattore in queste considerazioni?

L'intellighenzia dei media critica l'autore per aver parlato

Inoltre i media nell'attuale Zeitgeist non hanno sbagliato il messaggio, e i critici di tutte le parti hanno preso spunto dall'analisi scomoda. Gli argomenti più improbabili sono stati usati per screditare il messaggio dell'ex Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF).

Alcuni dicono di essere stato "manipolato" dal suo entourage o di mettere in dubbio il fatto che lui ne sia davvero l'autore. Altri protestano a gran voce i tempi di questa pubblicazione. Marco Politi, noto vaticanista progressista, non esita a parlare di libellismo e di frustare: "Il papa emerito dovrebbe aver scelto il silenzio", perché "nei momenti più gravi, solo una voce dovrebbe essere ascoltata in alto ; altrimenti semina confusione ". Sospetta che Benedetto XVI sia" sotto l'influenza degli ultra-conservatori cardinali tedeschi Walter Brandmüller e Gerhard Müller ", l'ex prefetto del CDF che il papa argentino non ha riconfermato nel 2017; due prelati che sono, secondo lui, "impegnati in una vasta campagna diversiva per incolpare * i peccati di pedofilia all'interno della Chiesa sulla cultura gay e sulla perdita della fede".

Date reazioni come queste, le riflessioni dell'ex papa tedesco meritano di essere analizzate con calma. Sono divisi in tre parti: il contesto sociale; le sue conseguenze per gli uomini della Chiesa; la ricerca di una soluzione adeguata.

Prima parte: le cause

Il contesto sociale: liberazione dalla morale

Benedetto XVI intende anzitutto ricordare che "negli anni '60 si è verificato un evento eclatante, su una scala senza precedenti nella storia. Si potrebbe dire che nei 20 anni dal 1960 al 1980, i precedenti standard normativi riguardanti la sessualità crollarono del tutto".

Queste sono le cause profonde dei crimini di abuso: la rivoluzione libertaria degli anni '60 e l'attuazione aggressiva di un'educazione sessuale sempre più sfrenata, accompagnata dall'assalto della pornografia che in quel periodo invase le sale cinematografiche e poi gli schermi televisivi. Da allora in poi ci sono stati araldi di pansessualità disposti a lodare e promuovere la pedofilia.

Questa analisi è contestata con veemenza dagli opinionisti. Per essere illuminati su questo argomento, basta consultare l'articolo [in lingua francese] su Apologie de la pédophilie[Apologia for pedophilia] pubblicata dall'enciclopedia online Wikipedia [in Francia] (https://fr.wikipedia.org/wiki/Apologie_de_la_pédophilie). L'introduzione è istruttiva: "L'apologia della pedofilia è l'insieme delle azioni, degli scritti e delle posizioni pubbliche che mirano a rendere la pedofilia socialmente accettata o semplicemente a parlarne in modo elevato. Questa tendenza esisteva principalmente al tempo della cosiddetta rivoluzione sessuale, essenzialmente negli anni immediatamente successivi al 1968, a causa delle persone che si presentavano come pedofili, ma anche per "simpatizzanti". Alcuni gruppi e individui isolati hanno poi cercato di presentare la pedofilia come attrazione sessuale accettabile, o di contestare le nozioni di età legale di consenso o abuso sessuale di un minore. In uno sviluppo parallelo, la pedofilia era trattata con indulgenza in quel momento in vari modi dai media, politici o intellettuali. Questo movimento non ha mai raggiunto un livello significativo e duraturo di riconoscimento, nonostante alcuni media limitati e sostegno politico negli anni '70 ".

In Francia, un giornale come Libération ha fatto una campagna per un lungo periodo per allentare la legislazione contro la corruzione dei minori, con il forte sostegno delle petizioni firmate da celebrità come Aragon, Roland Barthes, Simone de Beauvoir, François Chatelet, Patrice Chéreau, Jacques Derrida, Françoise Dolto, Michel Foucault, André Glucksmann, Félix Guattari, Bernard Kouchner, Jack Lang, Alain Robbe-Grillet, Jean-Paul Sartre, Philippe Sollers .... Daniel Cohn-Bendit, un leader nelle insurrezioni studentesche del maggio 1968, lodato la pedofilia, anche con una bambina di cinque anni.

Benedetto considera questa nauseabonda ondata di opinione che considera la pedofilia "autorizzata e appropriata" come una spiegazione per la corruzione della gioventù, anche tra un'intera generazione di sacerdoti, molti dei quali poi disertati in gran numero.

La rivoluzione nella teologia morale

In uno sviluppo parallelo ci fu un "collasso" della teologia morale e dell'insegnamento della Chiesa sulla moralità. Questo fu il prodotto di una vera e propria rivoluzione nata dal disprezzo deliberato della legge naturale.

Scrive Benedetto XVI: "Fino al Concilio Vaticano II, la teologia morale cattolica era in gran parte fondata sulla legge naturale, mentre la Sacra Scrittura era citata solo per lo sfondo o la convalida. Nella lotta del Consiglio per una nuova comprensione della Rivelazione, l'opzione della legge naturale fu in gran parte abbandonata e fu richiesta una teologia morale interamente basata sulla Bibbia ".

L'ammissione è enorme: il Consiglio è infatti citato come responsabile dell'abbandono della legge naturale. L'analisi di Benedetto XVI riconosce questo abbandono, apparentemente senza considerarlo una rottura con la Tradizione. Perché la teologia morale non potrebbe fare a meno della legge naturale o allontanarsene: la grazia non distrugge la natura, ma piuttosto la presuppone. Per cercare di costruire la morale senza di essa è pura sciocchezza ( cfr . Nouvelles de Chrétienté , n. 176, marzo-aprile 2019, pp. 5-9). Inoltre, è un'illusione mettere la legge naturale contro la Rivelazione, perché la legge naturale è contenuta nella Sacra Scrittura, la fonte della Rivelazione, come mostra chiaramente il Decalogo. Questa legge è inscritta nel cuore umano da Dio stesso, l'autore della natura.

Di qui gli innumerevoli eccessi della nuova teologia, e specialmente il relativismo morale, che Benedetto XVI denuncia giustamente. Da qui anche la pretesa di indipendenza da parte dei teologi nei confronti del Magistero, che viene percepito come il nemico della libertà e un ostacolo al progresso della teologia e dell'umanità. Benedetto XVI menziona diversi episodi di questa attività anti-establishment.

Cerca di difendersi, insieme a Giovanni Paolo II, evidenziando la sua attività quando era Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede. Sotto la sua direzione fu pubblicato il nuovo Catechismo della Chiesa Cattolica, mentre l'enciclica Veritatis Splendor , nonostante i suoi limiti, arrivò a riaffermare l'esistenza delle fondamenta inviolabili della moralità.

Attacchi contro il Magistero della Chiesa

Il papa emerito cita anche "l'ipotesi che il Magistero della Chiesa dovesse avere la competenza finale [infallibilità] solo in questioni riguardanti la fede". Questa ipotesi "ha ottenuto un'accettazione diffusa" e molti hanno concluso che "le questioni riguardanti la moralità non dovrebbero cadere" nell'ambito delle decisioni infallibili del Magistero della Chiesa ".

Sebbene egli veda che "probabilmente c'è qualcosa di giusto in questa ipotesi" - che è di prestargli sostanza - Joseph Ratzinger difende l'esistenza di "un insieme minimo di morale che è indissolubilmente legato al principio fondamentale della fede", senza il quale non esiste potrebbe non essere infallibilità della Chiesa e del papa in materia di fede e morale. I dissidenti più radicali, ignorandolo, affermano logicamente che "la Chiesa non ha e non può avere la propria moralità".

Il papa emerito risponde affermando chiaramente che il fondamento di ogni morale è la rivelazione che l'uomo è stato creato a immagine di Dio, la fede nell'unico Dio e l'aspetto pellegrino della vita cristiana. Stiamo viaggiando verso la nostra patria e la Chiesa deve proteggere i fedeli dal mondo.

Parte seconda: gli effetti

Nella seconda parte delle sue riflessioni, Benedetto XVI mostra le devastazioni causate dalla duplice dissoluzione della morale cristiana e dell'autorità della Chiesa in materia di moralità. È qui che rivolge la sua attenzione per denunciare gli effetti risparmiando il Consiglio e le sue riforme. Riconosce tuttavia l'inadeguatezza dei mezzi di punizione - e di guarigione - che la Chiesa ha provveduto a se stessa dopo il Concilio.

Rottura nella formazione del Seminario

L'ex Prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, che ha una buona conoscenza dell'argomento, menziona prima la formazione dei sacerdoti. Ammette bruscamente che "per quanto riguarda il problema della preparazione al ministero sacerdotale nei seminari, c'è in realtà una profonda rottura della precedente forma di questa preparazione". Questa rottura nella formazione ha reso possibile "in vari seminari [per] omosessuali cricche [per essere] stabilite, che hanno agito più o meno apertamente e significativamente cambiato il clima nei seminari. In un seminario nella Germania meridionale, i candidati al sacerdozio e i candidati al ministero della pastorale dello specialista pastorale [Pastoralreferent] hanno vissuto insieme. Ai pasti comuni, seminaristi e specialisti pastorali hanno mangiato insieme. "I laici menzionati per ultimi erano" a volte accompagnati da mogli e figli, e occasionalmente dalle loro amiche. Il clima in questo seminario non ha potuto fornire supporto per la preparazione alla vocazione sacerdotale ".

La Santa Sede sapeva di questi problemi, che erano particolarmente diffusi negli Stati Uniti. Sono state organizzate visite apostoliche. Questo passaggio è l'unica menzione dell'omosessualità nei seminari. In un documento che tratta della pedofilia, è più che i media e gli esperti possono tollerare ...

Rottura nel reclutamento di vescovi

In quell'atmosfera di collasso morale, Joseph Ratzinger ammette anche che l'attuazione del Concilio ha portato all'elevazione della gerarchia di pastori della Chiesa che non erano stati formati adeguatamente per i loro compiti.

"Anche i criteri per la selezione e la nomina dei vescovi erano cambiati dopo il Concilio Vaticano II, anche il rapporto dei vescovi con i loro seminari era molto diverso. Soprattutto, un criterio per la nomina di nuovi vescovi era ora la loro "conciliarità", che naturalmente poteva essere intesa nel senso di cose piuttosto diverse. In effetti, in molte parti della Chiesa, gli atteggiamenti conciliari erano intesi come aventi un atteggiamento critico o negativo nei confronti della tradizione finora esistente, che ora doveva essere sostituita da una nuova relazione radicalmente aperta con il mondo. Un vescovo, che in precedenza era stato rettore del seminario, aveva organizzato per i seminaristi la proiezione di film pornografici, presumibilmente con l'intenzione di renderli così resistenti a comportamenti contrari alla fede.

Nascosto dietro questa osservazione è una vera e propria "epurazione": le sue vittime furono i vescovi devoti alla Tradizione; venivano sistematicamente messi da parte o sostituiti da un episcopato progressista che era stato conquistato dalle nuove idee, quelle del Consiglio e dell'aggiornameno che autorizzavano qualsiasi cosa. L'attuazione del Vaticano II da parte di Papa Paolo VI è ciò che era in gioco qui attraverso la nomina dei vescovi. Questo argomento merita uno studio più approfondito.

Rottura nella legge canonica

Benedetto XVI affronta infine direttamente la questione della pedofilia e l'inadeguatezza dei mezzi per reprimerla che sono stati forniti dal nuovo Codice di Diritto Canonico. Questo passaggio è particolarmente istruttivo.

"La questione della pedofilia ... non divenne acuta fino alla seconda metà degli anni '80." I vescovi degli Stati Uniti, dove il problema era diventato pubblico, "cercarono aiuto, dal momento che il diritto canonico, come è scritto nel nuovo (1983) Codice, non sembrava sufficiente per prendere le misure necessarie ... Solo lentamente, un rinnovamento e approfondimento della legge criminale deliberatamente costruita del nuovo Codice ha cominciato a prendere forma ".

Alla fonte di questa debolezza volutamente intenzionale "c'era un problema fondamentale nella percezione della legge penale. Solo il cosiddetto garante, [una sorta di protezionismo procedurale], era ancora considerato come "Conciliare". Ciò significa che soprattutto i diritti dell'accusato dovevano essere garantiti, in una misura che escludeva di fatto qualsiasi condanna ... [Il] diritto alla difesa a titolo di garanzia era esteso a tal punto che le convinzioni erano quasi impossibili. ”

Il papa emerito giustifica la sua azione spiegando il corso che è stato intrapreso *: "Una legge canonica equilibrata ... deve quindi non solo fornire una garanzia per l'imputato ... Deve anche proteggere la fede ... Nella consapevolezza generale di la legge, la Fede non sembra più avere il rango di un bene che richiede protezione ".

A causa di questo garante, è stato necessario aggirare la difficoltà trasferendo le competenze della Congregazione del Clero, che è normalmente responsabile per affrontare i crimini commessi dai sacerdoti, alla Congregazione per la Dottrina della Fede sotto il titolo di " grandi delitti [illeciti legali] contro la fede ". "Questo accordo ... ha permesso di imporre la pena massima, cioè l' espulsione dal clero, che non avrebbe potuto essere imposta in base ad altre disposizioni legali." Per proteggere la Fede, era necessario istituire un vero e proprio procedura penale, con possibilità di ricorso a Roma.

Così l'implacabile logica del personalismo, che mette l'individuo di fronte alla società e al bene comune, ha reso il sistema giudiziario della Chiesa quasi inoperante con il Codice di diritto canonico del 1983. Da allora la Curia Romana ha compiuto sforzi per aggirare l'ostacolo, a spese di contorsioni giuridiche e con risultati contrastanti. Che casino...

Parte terza: prospettive

Benedetto XVI conclude le sue riflessioni cercando di offrire diverse soluzioni prospettiche.

Ricorda l'esistenza di Dio, perché una società senza Dio abolisce la distinzione tra bene e male.

Il documento è rivolto principalmente ai sacerdoti; l'autore li esorta a raccomandare tutto all'amore di Dio, ma anche a riaffermare vigorosamente l'esistenza di Dio nei confronti del mondo. È necessario riconoscere l'intervento divino nella storia umana, perché il rifiuto di Dio porta alla distruzione della libertà.

"Una società senza Dio - una società che non Lo conosce e lo tratta come inesistente - è una società che perde la sua misura. Ai nostri giorni, lo slogan della morte di Dio è stato coniato. Quando Dio muore in una società, diventa libero, eravamo certi. In realtà, la morte di Dio in una società significa anche la fine della libertà, perché ciò che muore è lo scopo che fornisce l'orientamento. E poiché la bussola scompare ci indica la giusta direzione insegnandoci a distinguere il bene dal male. La società occidentale è una società in cui Dio è assente nella sfera pubblica e non ha più nulla da offrirlo. Ed è per questo che è una società in cui la misura dell'umanità è sempre più persa ".

A causa di questa assenza di Dio, alcune persone sono venute a diffondere laici costumi, fino al punto di tollerare la pedofilia.

Di passaggio, Benedetto XVI osserva che gli uomini della Chiesa non parlano abbastanza di Dio nella pubblica piazza. Sembra dispiaciuto che la Costituzione europea ignori Dio come "il principio guida per la comunità nel suo complesso". Di chi è la colpa, quando le autorità ecclesiastiche dal Vaticano II hanno lavorato per distruggere gli Stati cattolici abolendo l'invocazione di Dio Uno e Triune nel preambolo delle loro costituzioni?

Il problema liturgico

Il papa emerito continua: non è sufficiente ricordare l'esistenza di Dio; è necessario anche vivere l'Incarnazione, in particolare attraverso la Santa Eucaristia. Fedele ai suoi insegnamenti passati, fa un'osservazione preoccupante:

"La nostra gestione dell'eucaristia non può che destare preoccupazione. Il Concilio Vaticano II è stato giustamente incentrato sul ritorno di questo sacramento della presenza del corpo e del sangue di Cristo, della presenza della sua persona, della sua passione, morte e risurrezione, al centro della vita cristiana e dell'esistenza stessa della Chiesa ... Eppure un atteggiamento piuttosto diverso è prevalente. Ciò che predomina non è una nuova venerazione per la presenza della morte e della risurrezione di Cristo, ma un modo di trattare con Lui che distrugge la grandezza del mistero. La declinante partecipazione alla celebrazione eucaristica domenicale mostra quanto noi cristiani di oggi sappiamo ancora di apprezzare la grandezza del dono che consiste nella Sua presenza reale.

Queste considerazioni sono semplicemente sbalorditive; mostrano molto chiaramente i limiti dell'analisi dell'ex papa, che rimane attaccato alla riforma di Paolo VI mentre deplora una liturgia che è diventata banale perché è desacralizzata. Torneremo su questo.

Fede nella Chiesa

Finalmente l'ex Sommo Pontefice esamina il mistero della Chiesa. Si domanda e lamenta le (pseudo) rinascite che alla fine non avevano futuro. Proprio come ha spiegato che il Vaticano II aveva inteso "un ritorno" al sacramento dell'Eucaristia - con risultati irrisori - così egli spiega che il Vaticano II intendeva rendere la Chiesa una realtà che non è più esteriore, ma che dovrebbe essere "risvegliata" nelle anime ". Cinquant'anni dopo, "riconsiderando questo processo e guardando a ciò che stava accadendo", è tentato di dire: "La Chiesa sta morendo nelle anime". Questa ammissione di un evidente fallimento dovrebbe portarlo a rimettere in discussione i principi ecclesiologici del Vaticano II. Sfortunatamente non lo è affatto. Benedetto XVI trova un'altra spiegazione:

"La Chiesa oggi è ampiamente considerata come una specie di apparato politico [si dovrebbe dire invece un apparato sociologico]. Ne parliamo quasi esclusivamente in categorie politiche, e questo vale anche per i vescovi, che formulano la loro concezione della Chiesa di domani quasi esclusivamente in termini politici. La crisi, causata dai numerosi casi di abusi clericali, ci spinge a considerare la Chiesa come qualcosa di quasi inaccettabile, che ora dobbiamo prendere nelle nostre mani e ridisegnare. Ma una Chiesa fatta da sé non può costituire speranza ".

Ci saranno sempre delle erbacce tra il buon grano nel campo del Signore e il pesce cattivo accanto al bene nelle calze a rete della Chiesa. E conclude con una bella applicazione di un passaggio del Libro dell'Apocalisse (12:10) in cui il diavolo viene presentato come "l'accusatore dei nostri fratelli", come lo era con Giobbe, accusandolo alla presenza di Dio.

"Il Dio Creatore si trova di fronte al diavolo che parla male di tutta l'umanità e di tutta la creazione. Dice non solo a Dio, ma soprattutto alle persone: guarda cosa ha fatto questo Dio. Presumibilmente una buona creazione, ma in realtà piena di miseria e disgusto ... [Egli] vuole dimostrare che Dio stesso non è buono, e quindi allontanarci da Lui ... Oggi, l'accusa contro Dio è, soprattutto, , di caratterizzare la sua Chiesa come del tutto negativa, e quindi di dissuaderci da essa. L'idea di una Chiesa migliore, creata da noi stessi, è in realtà una proposta del diavolo, con la quale vuole portarci via dal Dio vivente, attraverso una logica ingannevole con la quale siamo troppo facilmente ingannati. No, anche oggi la Chiesa non è fatta solo di cattivi pesci ed erbacce. Anche la Chiesa di Dio esiste oggi e oggi è lo strumento stesso attraverso il quale Dio ci salva. È molto importante opporsi alle menzogne ​​e alle mezze verità del diavolo con tutta la verità: Sì, c'è il peccato nella Chiesa e il male. Ma anche oggi c'è la Santa Chiesa, che è indistruttibile ".

Questo bellissimo passaggio, sebbene sia consolante, non deve nascondere la realtà della crisi scatenata da dottrine perniciose distribuite generosamente da cattivi pastori.

Commento

Un'analisi limitata

Nonostante sia severa e appaia lucida, la diagnosi fatta da Benedetto XVI rimane comunque al livello dei sintomi: descrive la malattia in termini di manifestazioni, ne traccia alcune delle cause, ma non è in grado di identificare le cause profonde e vere o di nominare la malattia stessa. Di conseguenza, può proporre solo trattamenti palliativi che, come tutti sanno, alleviano solo i sintomi di una malattia senza agire sulla sua causa.

Certamente, la rivoluzione libertaria ha lasciato un segno profondo sulla società in cui viviamo e rovina le coscienze. Ma questa rivoluzione ha accompagnato il Concilio, che si era giustamente assegnato la missione di "discernere i segni dei tempi" in modo da rispondere alle aspirazioni del mondo. Nel fare ciò, la Chiesa si lanciò in un vortice di riforme che spazzò via sia i fedeli che i loro pastori.

Mentre lo slogan del maggio 1968 era: "Facciamo una lavagna bianca del passato" [es . ricominciare dal nulla], il Vaticano II aveva già adottato questo spirito nel cercare di rendere "una lavagna vuota della Tradizione". Questo spirito è chiaramente presente in diversi documenti del Concilio, come Dignitatis Humanae , Unitatis Redintegratio , Gaudium et Spes , come così come le varie dichiarazioni che sono venute a concluderlo. Questa rivoluzione si manifestò in molti modi, in particolare nei seminari. Le giovani generazioni di sacerdoti e religiosi consacrati erano contaminati dall'atmosfera di un mondo materialista, ateo e licenzioso.

Allo stesso modo, la Rivoluzione del maggio 1968 dichiarò: "È proibito proibire". La teologia morale indebolita ripeteva questo slogan promuovendo il relativismo e rigettando il controllo del Magistero.

I sintomi sono quindi ovvi. Ma Benedetto XVI rifiuta di vedere il Concilio e le sue riforme come ragioni per loro, in nome dell'interpretazione evasiva che ha preannunciato: la famosa "ermeneutica della rottura" che ha contrapposto a una "ermeneutica della continuità", che presumibilmente esonera il Vaticano II e il Magistero successivo di ogni responsabilità.

Responsabilità schiacciante

È necessario affermare che in questi tempi difficili - l'era degli anni '60 fino ad oggi - le autorità non hanno agito efficacemente, il che è un segno di tragica debolezza o di complicità. Ma non fu forse "San" Paolo VI a guidare la scorza di Pietro durante quell'epoca? Questo "santo" era debole fino a quel punto, o complice?

Quando un effetto viene osservato regolarmente, manifesta una causa. Cercare di limitarlo a un'ermeneutica è insufficiente. L'induzione logica deve essere seguita fino alla sua conclusione, e bisogna avere il coraggio di tornare ai semi che si trovano nel Concilio; altrimenti abbandoniamo il principio di causalità.

Tanto più che le misure prese per cercare di risolvere il problema manifestano, a loro volta, questa causa proliferante, come una fonte di infezione. Il papa emerito è chiaramente obbligato a riconoscere l'inadeguatezza della nuova legge canonica e la sua incapacità di risolvere i problemi. Ma chi ha promulgato questo Codice in primo luogo? E chi era obbligato a escogitare soluzioni di fortuna, che sono esse stesse inadeguate? Non era "San" Giovanni Paolo II?

E da dove viene questa inadeguatezza? Dal principio della libertà moderna, applicato attraverso il personalismo a tutta la legislazione della Chiesa, rendendolo inoperante. Le autorità hanno legato le loro mani proclamando che non volevano più condannare, come testimoniano i discorsi di Giovanni XXIII all'apertura del Concilio e di Paolo VI alla sua conclusione.

Per quanto riguarda la cecità sulla nocività della riforma liturgica, confina con la caricatura. Il papa emerito afferma le buone intenzioni del Consiglio e le sue belle conquiste. Quindi osserva che il risultato è stato catastrofico, ma si preoccupa di non arrivare alla conclusione convincente. Nemmeno il fatto che i vescovi ora vedano la Chiesa solo politicamente o sociologicamente lo fa interrogare sulla qualità della nuova ecclesiologia introdotta da Lumen Gentium .

Questo è il motivo per cui le sue proposte di ripresa, nonostante qualche valore palliativo, non saranno in grado di sradicare la malattia. Come ha detto l'arcivescovo Lefebvre, il modernismo è una sorta di AIDS spirituale diffuso attraverso la Chiesa, che indebolisce l'organismo privandolo delle sue difese. Coloro che ne sono afflitti non hanno più la forza necessaria per riconoscere l'aggressore e impiegare mezzi adeguati per eliminarlo. Solo la restaurazione di tutte le cose in Cristo, attraverso la fedeltà della Chiesa alla sua stessa Tradizione, i suoi riti sacrosanti, la sua dottrina rivelata, la sua perfetta moralità e la sua disciplina secolare, saranno in grado di mettere a posto la scorza di Pietro e purificare il nostro Santo Madre degli insulti che l'hanno sfigurata da troppo tempo.

 


fsspx.news

Share |