Preziosità delle Giaculatorie

Home / Corsia Giovani / Istruzioni per il buon cristiano / Preziosità delle Giaculatorie

Oh! quanti atti di virtù possono esercitarsi con la devota recita delle Giaculatorie, e specialmente di questa: Gesù mio, misericordia!

Ecco che cosa raccomandava san Leonardo: Al mattino, fate la seguente convenzione con Dio: “Signore, ogni volta che dirò GESÙ MIO, MISERICORDIA, intendo di fare un atto intensissimo d’amor vostro”. Se poi la direte cento o mille volte, saranno altrettanti atti d’amor di Dio. E quindi, oh! quanti meriti potete acquistarvi con sì poca fatica!

Con questa giaculatoria si esercita:

1. un atto di fede; chiedendo a Gesù misericordia, si confessa che Egli è vero Dio e nostro Salvatore, che per usarci pietà morì sulla croce.

2. un atto di speranza; non si chiederebbe a Gesù misericordia, se non si sperasse di ottenerla per i suoi meriti infiniti.

3. un atto di carità verso Dio; chi chiede misericordia vuole innanzitutto essere preservato dal peccato, che è solo male che si oppone all’amor suo.

4. un atto di carità verso il prossimo; intendendo di chiedere misericordia anche per i peccatori, gli infedeli, le anime purganti e per tutto il mondo.

5. un atto di contrizione; chi di vero cuore chiede a Gesù misericordia, mostra di essere veramente pentito di averlo offeso, e risoluto di non più offenderlo.

6. un atto di umiltà; il chiedere pietà è un riconoscersi bisognosi del divino aiuto.

7. un atto di domanda; il domandare a Gesù misericordia è un chiedere insieme per i suoi meriti le grazie necessarie per salvarsi.

8. inoltre con questa giaculatoria si invoca tante volte il SS. nome di Gesù, che è nome di speranza e di salvezza, al quale si inchinano il Cielo, la Terra e l’Inferno.

Le riflessioni fatte sulla Giaculatoria Gesù mio, misericordia! in qualche modo si applicano ad ogni altra giaculatoria o preghiera, potendo sempre il cristiano, nell’atto che si solleva a Dio con qualsiasi preghiera, eccitare fervidi affetti nel cuore, facendo atti interiori di fede, di umiltà, di speranza, ecc.

O buon Gesù, che prezioso tesoro vi siete voi degnato di scoprirmi! propongo di avere spesso sul labbro la preghiera, specialmente la Giaculatoria Gesù mio, misericordia!

 


Manuale di Filotea


Documento stampato il 13/08/2020