Speculum Justitiae – il mese di Maggio (secondo il metodo di p. Muzzarelli)

Home / Archivio articoli ex sezione "Attualità" / Archivio anno 2023 / Speculum Justitiae – il mese di Maggio (secondo il metodo di p. Muzzarelli)

Per il mese di maggio consigliamo ai nostri confratelli e lettori l'acquisto del seguente libretto, pubblicato recentemente da Edizioni Piane. Non possiamo lasciar passare questo mese senza aver rivolto a Maria Santissima una nostra particolare devozione!

Per l'acquisto, clicca qui


Dalla PREFAZIONE

La Chiesa ha sempre raccomandato caldamente la devozione a Maria SS.ma. Per Lei tre volte al giorno fa suonare le campane dell'Angelus, perché i fedeli si rammentino di pregarla. A Lei ha innalzato magnifici santuari, in ogni chiesa ha consacrato altari, e ad essa ha dedicato i due mesi più belli dell'anno: Maggio e Ottobre.

Nel mese di Ottobre, mese del S. Rosario, si prega la Santa Vergine in ringraziamento dei numerosi e molteplici benefici di cui sempre ha ricolmato la Chiesa.

Nel mese di Maggio si ricorre a Maria ricordando le soavi e profonde meditazioni cristiane, quasi eco devota delle feste pasquali.

Il pio esercizio del Mese di Maggio fu propagandato dai Padri Gesuiti, in particolar modo da padre Muzzarelli, il quale dispose in trenta meditazioni semplici e facili tutta la materia degli Esercizi spirituali di sant'Ignazio. Tale pratica si diffuse presto dappertutto.

Se la devota funzione del mese di Maggio si fa in chiesa, si prepari l'altare più bello, su cui si porrà l'immagine della Madonna, adornandola di fiori e ceri.

Se si fa in casa, si cerchi un posto dove si possa collocare con onore l'immagine della Santa Vergine e si orni con la maggior cura.

Si cerchi di dare a questa funzione la maggiore espressione di affetto, e si accompagni la recita del Santo Rosario con devoti canti.

Alla recita del Rosario si unisca ogni giorno la lettura di una meditazione, che si conclude con il proposito di praticare un atto di virtù e di mortificazione (fioretto od ossequio).

Si usa inoltre scegliere anche un fioretto mensile che sia più adatto alla nostra condizione, al nostro carattere. Sarebbe cosa ottima su ciò sentire il consiglio del padre spirituale, specialmente per scegliere un fioretto che meglio ci porti a combattere il nostro difetto predominante, o ci faccia esercitare qualche virtù necessaria al nostro stato. E alla chiusura di ogni meditazione si suggerisce una giaculatoria che si può recitare spesso durante il giorno quale ricordo delle verità meditate, quale fiore che ci rammenti col suo profumo la dolcezza e la bellezza della meditazione fatta.

Nessuno dimentichi che il modo migliore di onorare Maria è quello di ricevere la Santa Comunione e di evitare in modo speciale, per amor di Lei, ogni peccato mortale.

Il presente mese di Maggio si ispira al metodo che il padre Alfonso Muzzarelli, della Compagnia di Gesù, utilizza nel suo aureo libretto: “Il Mese di Maggio consacrato a Maria”, divenuto oramai il libro classico del Mese Mariano, e ne segue tutte le considerazioni, che sono le più belle e solenni massime di fede, atte a risvegliare nei cuori la pietà cristiana.

Ad ogni considerazione del padre Muzzarelli sono state inserite delle riflessioni, per stimolare i fedeli ad onorare, amare, imitare Maria nel suo bel mese e iniziare la vera vita cristiana, di cui Maria è impareggiabile modello. Nelle considerazioni del padre Muzzarelli è stata cambiata qualche parola non prettamente italiana e adattata al linguaggio corrente qualche espressione.

Vogliamo sperare che la SS. Ma Vergine gradisca il piccolo fiore della nostra devozione e dal Cielo benedica chi ha scritto queste pagine e chi le legge.

 


Documento stampato il 17/04/2024