Hans Küng è morto

Home / Rubriche / Lupi travestiti da agnelli / Hans Küng è morto

Il 6 aprile [2021] è morto il sacerdote e teologo Hans Küng. Questa morte ha innescato un concerto di elogi da tutte le parti, e soprattutto dai cattolici, anche se a volte tentati di qualche restrizione. Ma il defunto meritava molto di più di questo coro che oscura i suoi tanti demeriti.

 

 

Non sorprende trovare il vescovo Georg Bätzing tra coloro che hanno prodotto gli elogi più forti per il lavoro del teologo svizzero: "Anche se c'erano tensioni e conflitti [a causa delle sue convinzioni], lo ringrazio soprattutto in quest'ora di addio per il suo molti anni di impegno come teologo cattolico. (…) Hans Küng lascia una ricca eredità teologica". Vedremo in cosa consiste questa "ricchezza".

D'altronde è quasi sbalorditivo leggere l'elogio della Pontificia Accademia per la Vita che non esita a "twittare": "Scompare davvero una grande figura nella teologia dell’ultimo secolo, le cui idee e analisi devono fare sempre riflettere la Chiesa, le Chiese, la società, la cultura". Dobbiamo ricordare che questa "grande figura" era a favore dell'eutanasia?

Breve biografia

Hans Küng è nato il 19 marzo 1928 a Sursee, nel cantone di Lucerna, da una famiglia cattolica. Dopo la laurea, ha studiato filosofia e teologia a Roma, presso l'Università Gregoriana. È stato ordinato sacerdote nella Città Eterna nel 1954.

Ha continuato i suoi studi a Parigi, presso l'Istituto Cattolico, dove ha conseguito il dottorato in teologia nel 1957, per una tesi sulla giustificazione nell'opera di Karl Barth (1886-1968) - un protestante riformato svizzero che ha avuto una notevole influenza sul protestante teologia ... e su molti modernisti cattolici.

Fu poi vicario a Lucerna (1957-1959), in seguito assistente scientifico all'Università di Münster in Germania (1959-1960), prima di essere nominato professore di teologia fondamentale, poi di dogmatica presso la facoltà teologica cattolica di Tubinga dal 1960 al 1979.

Nel 1963, pubblicò presso Editions du Seuil, una raccolta di conferenze tenute a Roma alle assemblee episcopali durante il Concilio Vaticano II, a case religiose o per trasmissioni radiofoniche, sotto il titolo:Le Concile, épreuve de l’Eglise. Il teologo Charles Journet ne fa una severa critica nella rivista Nova et Vetera (ottobre-dicembre 1963): "Diverse cose in questo libro ci sembrano deplorevoli."

Impietosamente aggiunge: "Il modo in cui l'autore parla dell'autorità lasciata da Cristo alla sua Chiesa suggerisce che ne abbia solo appena scrutato il mistero". Quanto segue è una dimostrazione in ordine di questa affermazione.

Nello stesso anno pubblicò anche Le strutture della Chiesa, con l'obiettivo del dialogo ecumenico con i protestanti. Questo libro colpì ancora una volta il (futuro) Cardinale Journet, che non esitò a scrivere in Nova et Vetera (gennaio-marzo 1964) che queste pagine mostrano una "alterazione fondamentale della nozione di Concilio ecumenico" e "un relativismo dogmatico".

Nel 1970, Küng pubblicò una critica radicale dell'infallibilità papale (traduzione francese 1971) nel suo libro: Infallible? Una domanda.

Il libro fu incriminato dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, che portò al divieto di insegnamento nelle facoltà cattoliche nel 1979.

L'Università di Tubinga creò quindi appositamente per lui l'Istituto per la ricerca ecumenica, che gli permise di insegnare fino al 1996.

Crescente opposizione

Il teologo non solo scrive libri che si oppongono alla dottrina cattolica, ma si oppone anche a Papa Giovanni Paolo II.

Chiede persino la condanna del Papa polacco e del suo pontificato, che considera "una grande speranza delusa e, in ultima analisi, un disastro".

Mira particolarmente alla dottrina morale. Così, nel 1995, in occasione dell'enciclica Evangelium vitae, Küng lo ha accusato l'autore di essere "un dittatore spirituale che vuole distruggere la libertà di coscienza".

Di fronte a Benedetto XVI, che conosceva bene come teologo - insegnavano entrambi a Tubinga - sarà meno duro. Ma criticherà duramente la costituzione apostolica Anglicanorum coetibus, che crea prelature per accogliere gli anglicani convertiti al cattolicesimo: il teologo svizzero ritiene che questa sia la sepoltura di anni di lavoro ecumenico.

Saluterà invece con un certo entusiasmo l'elezione di Jorge Bergoglio come "la migliore scelta possibile".

The Weltethos (etica planetaria)

Dal 1993, Hans Küng intraprese la ricerca di un'etica globale, rivolgendosi in particolare alle religioni. Cercò di sviluppare e rafforzare la cooperazione tra di loro. Approfittò del parlamento delle religioni, tenutosi a Chicago nel 1993, per preparare il lancio della sua fondazione.

Ricevette nel 2005 il 22° premio della fondazione buddista giapponese per la pace, il premio Niwano . Questo premio gli venne conferito "per il suo contributo e la cooperazione al dialogo interreligioso". La fondazione giapponese lo considera "uno dei più importanti teologi del XX secolo".

Il deragliamento completo

Feroce sostenitore della riforma nella Chiesa, dopo essersi interessato alla questione del potere, dei poteri, della loro istituzione e della loro distribuzione all'interno della Chiesa - una'attenzione che condivide con il Cammino sinodale tedesco - e impaziente di vedere maturare le sue idee, si è posizionato nel 2012 come una sorta di dottore della Sposa di Cristo pubblicando Salviamo la Chiesa.

Propone rimedi per "abbandonare il sistema romano", erede della riforma del (san) Gregorio VII, della Controriforma e del Vaticano I. Li dettaglia nel suo libro: porre fine al celibato sacerdotale, aprire i ministeri alle donne, per coinvolgere nuovamente clero e laici nella scelta dei vescovi, per allontanarsi dalla bioetica ristretta (cioè accettare la contraccezione chimica).

Infine, quando soffriva del morbo di Parkinson e temeva di diventare dipendente o inabile, nel 2015 ha pubblicato Morire felici? Lasciare la vita senza paura. Difende l'idea della "morte assistita" che chiama anche "suicidio assistito" o "accompagnato" o addirittura "eutanasia". Tema caldo.

E afferma senza battere ciglio, in nome della sua "fede": "Proprio perché credo in una vita eterna, ho il diritto, quando verrà il momento, di decidere quando e come morirò". Aggiunge che "un Dio che proibisce all'uomo di porre fine alla sua vita quando la vita gli pone pesi insopportabili non sarebbe un Dio amico dell'uomo".

Tutti capiranno che Hans Küng non è morto nella fede della Chiesa. Le critiche entusiastiche della sua memoria di teologo "cattolico", sebbene "controverso", sono complici del modernismo più spudorato.

E mons. Vincenzo Paglia, presidente della Pontificia Accademia per la Vita, dimostra ancora una volta che è solo un lupo nell'ovile, celebrando un sostenitore dell'eutanasia. Come intitola il sito di InfoCatolica: "A quando una lode postuma per un abortista?"

Raramente, senza dubbio, le preghiere sarebbero tanto ben accette per il riposo dell'anima del defunto.


(Fonte: fsspx.news/it)


Documento stampato il 10/05/2021