Home / Attualità / Archivio anno 2020 / Papa Francesco prende in contropiede Benedetto XVI

Papa Francesco prende in contropiede Benedetto XVI

Papa Francesco ha approvato la nuova edizione del Messale Romano in lingua italiana. Ciò include una traduzione che Benedetto XVI, allora Papa, considerò - giustamente - errata, e di cui aveva chiesto la rettifica.

La consacrazione del preziosissimo Sangue del canone della Messa include, sia nel messale tradizionale che nel nuovo messale, questa formula: "Hic est calix sanguinis mei, (…) qui pro vobis et pro multis effundetur - Questo è il calice di il mio Sangue (…) versato per voi e per molti".

Tuttavia, dopo la promulgazione del Novus Ordo, molte versioni in volgare tradussero: "versato per voi e per tutti". Così in inglese - for all, in tedesco - für alle, e in spagnolo - por todos. In francese c'è una certa ambiguità, la traduzione più comune è: "pour la multitude".

L'intervento di Benedetto XVI

A tre mesi dalla sua elezione, Benedetto XVI si è impegnato a correggere questo punto. In primo luogo ha richiesto una consultazione dei vescovi del mondo che è stata effettuata dalla Congregazione per il culto divino e la disciplina dei sacramenti.

Il 17 ottobre 2006 il Cardinale Arinze, Prefetto di detta Congregazione, ha indirizzato una lettera a tutti i Presidenti delle Conferenze Episcopali. Ha riscontrato che molte traduzioni in volgare usavano "per tutti" e ha dichiarato che questo non minava la validità della Messa. Tuttavia, ha fornito sei ragioni per tradurre "per molti":

- il fatto che queste parole siano tratte dal santo Vangelo - Mt 26, 28 e Mc 14, 24. (In greco il termine è "polloi" , che significa "molti");

- il rito romano ha sempre detto "pro multis";

- i riti orientali hanno termini uguali o equivalenti;

- la traduzione esatta di "pro multis" è "per molti";

- le ripetute richieste del Vaticano per garantire l'accuratezza delle traduzioni;

- l'argomento più importante ricordava - senza nominarla - la distinzione tra redenzione oggettiva e soggettiva.

Per redenzione oggettiva si intende il fatto che il sacrificio di Cristo è sufficiente per salvare tutta l'umanità. È quanto esprime san Tommaso nell'Adoro Te: "cujus una stilla salvum fácere, totum mundum quit ab omni scélere - di cui una sola goccia [del prezioso Sangue] è sufficiente a salvare il mondo intero da tutte le colpe".

Ma la salvezza non è qualcosa di automatico: l'anima deve parteciparvi, pentendosi delle sue colpe e aderendo al suo redentore. La redenzione soggettiva è quindi la redenzione effettiva di un'anima alla quale si applicano efficacemente i meriti di nostro Signore. Ma non tutti saranno salvati, come afferma Gesù Cristo nel Vangelo, parlando del giudizio finale, in Mt 25: 31-46.

Le illuminanti spiegazioni del Catechismo del Concilio di Trento

Ecco come il Catechismo del Concilio di Trento spiega queste parole: "Le altre parole: “per voi e per molti” sono prese, alcune da San Matteo, altre da San Luca. Ed è stata la Chiesa che, ispirata dallo spirito di Dio, le ha riunite. Servono per esprimere i frutti e i benefici della Passione.

"Se consideriamo davvero la sua virtù ed efficacia, siamo obbligati a confessare che il Sangue del Signore è stato versato per la salvezza di tutti. Ma se esaminiamo i frutti che ne derivano gli uomini, è evidente che solo molti, e non tutti, ne beneficiano. Quando Gesù Cristo disse: “per voi”, intendeva con questo  coloro che, eccetto Giuda, erano presenti e a cui stava parlando; oppure gli eletti tra gli ebrei, come i suoi discepoli. Aggiungendo: "per molti" voleva designare tutti gli altri eletti, sia tra gli ebrei che tra i gentili".

"Quindi è a ragione che non è stato detto: “per tutti”, poiché vi si intendeva il frutto della Passione, che ha portato la salvezza solo agli eletti. È in questo senso che dovremmo intendere queste parole dell'Apostolo: “Gesù Cristo è stato immoltato una sola volta per togliere i peccati di molti” (Eb 9:26); e quello che dice Nostro Signore in San Giovanni: “Prego per loro, non prego per il mondo, ma per coloro che mi hai dato, perché sono tuoi”. (Gv 17, 9)"

Dopo l'intervento di Benedetto XVI, alcune traduzioni in volgare hanno corretto la loro scelta e hanno ripreso la formula "per molti": così in Germania, in Spagna, in Ungheria, negli Stati Uniti, nel Regno Unito e in diversi paesi dell'America Latina. L'Austria e l'Italia, tuttavia, hanno rifiutato. Oggi quel rifiuto è sostenuto da Papa Francesco.

Quest'ultimo prende prende in contropiede l'azione del suo predecessore, e rafforza una traduzione che possiamo giustamente qualificare come errata, poiché non rispetta né il testo del messale, né il testo del Vangelo, ispirato da Dio, da cui è tratta. La traduzione "per tutti" evoca pericolosamente l'idea che tutti siano salvati, indipendentemente dal loro atteggiamento verso Dio.

La misericordia di Dio non è resa più manifesta da una tale manipolazione, che anzi la maschera e ci fa dimenticare che è sempre legata alla giustizia. Bisogna ricordarsi sempre del già citato passo del vangelo sulla fine dei tempi.


(Fonte: fsspx.news)