Home / La Corsia / Comunicati della Corsia dei Servi / I testi per la lettura comunitaria (per consevare e difendere la nostra Fede)

I testi per la lettura comunitaria (per consevare e difendere la nostra Fede)

Facendo seguito a quanto indicato dal comunicato della Corsia dei Servi, ecco le indicazioni dei testi per la lettura comunitaria, in piccoli gruppi di fedeli. 

Che il nostro impegno e il nostro dovere di fedeli cattolici siano occasione di riflessione e di chiarezza:

per i fedeli, affinché riprendano piena coscienza del proprio dovere di glorificare Iddio santificandosi e del corrispettivo diritto inalienabile di ricevere dai pastori della Chiesa tutti i mezzi necessari a questo fine: dottrina integra e sana, Sacramenti rettamente amministrati e Liturgia che sia inequivocabile confessione di Fede cattolica;

per i pastori, affinché riprendano coscienza del loro dovere di dare alle anime tutti i mezzi necessari alla salvezza eterna, perché è solo questo dovere che fonda il corrispondente diritto di essere ascoltati e seguiti dal gregge;

per tutti, perché si ristabilisca finalmente l'esatto concetto di ubbidienza, per cui si ubbidisce agli uomini intendendo obbedire a Dio e, in caso di conflitto, si obbedisce a Dio piuttosto che agli uomini.


 

 1. "La Riforma liturgica Anglicana" di M.Davies. Dalla Riforma della Messa, entrò l'eresia nella Chiesa d'Inghilterra. Il testo è di straordinaria attualità perchè si potrà facilmente costatare come le tecniche della rivoluzione liturgica anglicana (che sono paradigma tipico di ogni rivolta eretica, ripetendo i mezzi impiegati da sempre nello smantellamento della cattolicità) siano state oggi accettate e adottate dalle gerarchie moderniste attraverso il Novus Ordo Missae (la nuova messa che ha soppiantato quella Tridentina) e le relative disposizioni, da una parte autorevolmente suggerite più che ufficialmente date (come l'abolizione del latino, la comunione in piedi e nella mano...), dall'altra (come la sostituzione dell'altare con una tavola...) attraverso le disposizioni chiaramente emanate dalla gerarchia modernista, senza sussulto, con lentezza, seguendo la tecnica della "sorpresa" e del "fatto compiuto", disarmando la capacità dei fedeli di acorgersi di stare lentamente cambiando la religione dei loro padri. Il blog Radicati nella Fede, che ha il grande merito di aver tradotto il testo di M.Davies in italiano, ha anche pubblicato degli estratti commentati che saranno oggetto delle nostre letture comunitarie e meditazioniPer scaricarli cliccare qui

 

 

Share |